Niente Milan: L’offerta non convince

Alla fine potrebbe restare: nessuna offerta ritenuta all’altezza potrebbe spingere il proprio club a trattenerlo. Il Milan è avvisato

Il calciomercato del Milan sta prendendo forma. La settimana che inizierà dopodomani potrebbe essere quella dei movimenti ufficiali.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©LaPresse)

Attenzione dunque alla situazione legata a Renato Sanches e Divock Origi, attesi a Milano nei prossimi giorni. Per l’attaccante belga è tutto fatto, per il centrocampista ci siamo quasi.

Saranno i giorni in cui si capirà se Sven Botman accetterà il corteggiamento del Lille e si dovrà virare su altri obiettivi.

Difficile, invece, che siano i giorni per capire chi rafforzerà la trequarti. I nomi più caldi continuano ad essere quelli di de Ketelaere e Noa Lang ma sullo sfondo resta Nicolò Zaniolo.

Il punto su Zaniolo

L’italiano ieri ha fatto gli auguri di compleanno a Rafael Leao. Un messaggio social che non è certamente passato inosservato. Il desiderio reciproco di Roma e Zaniolo di separasi ormai appare scontato.

Il contratto in scadenza nel 2024 spinge il club giallorosso a prendere una decisione immediate. Il giovane italiano non è certo un incedibile ma per lasciarlo andare servono tanti soldi. 40, 50, 60 milioni di euro. Sono state fatte tante cifre, l’unica certezza è che il prezzo di Zaniolo sia alto. Allo stesso tempo che nessuno, ad oggi, sia intenzionato ad accontentare i giallorossi.

Difficile che possa farlo il Milan. Si è parlato di contropartite tecniche, come Alexis Saelemaekers o Ante Rebic, che non sembrano gradite a Jose Mourinho.

Anche 40 milioni di euro sono parecchi soldi per un calciatore reduce da tanti problemi fisici e che la scorsa stagione non ha fatto la differenza. I suoi numeri di certo non mentono: ha segnato 8 goal complessivi, ma solo due in Serie A, contro Empoli e Atalanta.

La Roma dunque aspetterà che arrivi l’offerta giusta ma non è detto che ciò accada. Ecco che come riporta il Corriere dello Sport non è da escludere che Zaniolo alla fine resti nella Capitale.