Rinnovo Leao, Milan pronto a rilanciare: la mossa di Maldini

Il Milan ha le idee chiare su Leao ed è pronto a tornare a parlarne con l’entourage: sullo sfondo rimangono alcune richieste dall’estero.

La grande stagione disputata da Rafael Leao, decisivo per la vittoria dello Scudetto, ha certificato la scelta corretta fatta dalla dirigenza rossonera sia al momento dell’ingaggio del portoghese sia in quello del rifiuto delle offerte arrivate per cederlo. È stato un colpo azzeccato  e adesso il suo valore di mercato è cresciuto in maniera esponenziale.

Rafael Leao
Rafael Leao (©Ansa Foto)

Nei primi due anni al Milan si era intravisto il potenziale del giocatore, ma non c’era continuità. Il suo rendimento non era costante, era caratterizzato da singole fiammate e condito da un atteggiamento in campo non sempre convincente. C’erano dei dubbi legittimi, ma l’ex talento di Sporting Lisbona e Lille ha dimostrato di poter essere un grade calciatore.

Alla terza annata in Italia è riuscito a far vedere quanto possa essere incisivo in fase offensiva con assist e gol. Ha mostrato la giusta mentalità, è maturato in modo netto. Stefano Pioli ha ammesso che dal primo allenamento della nuova stagione ha notato un grosso cambiamento in lui.

Milan, rinnovo Rafael Leao: in arrivo una nuova offerta

Il Milan vuole puntare ancora su Leao per il futuro, dunque da mesi lavora al rinnovo del suo contratto. L’attuale scadenza è fissata a giugno 2024 e l’obiettivo è di prolungare fino al 2026. Chiaramente è previsto anche un corposo aumento dello stipendio e proprio sull’aspetto economico si gioca la trattativa.

La società rossonera è arrivata a offrire circa 4,5 milioni di euro netti annui più bonus, ma l’entourage del portoghese ha richiesto un ingaggio superiore. Il quotidiano Tuttosport conferma una pretesa economica da 6,5-7 milioni a stagione e rivela che il Milan è pronto ad alzare l’asticella della propria proposta.

Paolo Maldini in una recente intervista post-Scudetto ha dichiarato che Leao è considerato incedibile. Ovviamente il discorso può cambiare se non dovesse arrivare il rinnovo, perché il club non può permettersi di tenerlo senza prolungargli il contratto. Diventerebbe più conveniente, a livello economico, una cessione.

Da ricordare che nel contratto di Rafa è presente una clausola di risoluzione da ben 150 milioni. Al momento nessuna squadra si è fatta avanti offrendo tale cifra o comunque una simile, però il Milan vorrà tanti soldi se si ritroverà “costretto” a vendere il proprio gioiello.