Calciomercato Milan, nuova strategia: i piani di Maldini sono cambiati

Lo scippo subito dal Newcastle per il forte difensore cambia nettamente le strategie della squadra rossonera sul mercato estivo.

La notizia di ieri ha un po’ sconvolto tutti i piani del Milan ed i desideri dei tifosi rossoneri. Sven Botman ha deciso di accettare l’offerta del Newcastle, volerà in Inghilterra già lunedì per firmare il suo ricco contratto.

Maldini
Paolo Maldini (©Ansa Foto)

Il difensore olandese, seguito dal Milan da moltissimi mesi, ha deciso di non attendere le riflessioni rossonere. La Premier League lo chiama ed il club di via Aldo Rossi resterà con un cerino in mano, nonostante i circa 30 milioni di euro predisposti per arrivare al suo ingaggio.

Il mancato arrivo di Botman fa automaticamente risparmiare al Milan un esborso importante. Come scrive il Corriere dello Sport, cambieranno in questo modo le strategie del mercato rossonero. Non più un super colpo in difesa, reparto dove il Milan vanta comunque elementi già importanti, bensì si dirigeranno le energie verso l’attacco.

Il grande investimento verrà fatto sulla trequarti

Dunque l’esborso da 30-35 milioni di euro, che il Milan targato RedBird dovrebbe potersi permettere già in questa sessione estiva di mercato, arriverà nel reparto offensivo. Una zona dove c’è maggior bisogno di rinforzi nuovi di zecca, nonostante lo Scudetto appena vinto.

Pare proprio che il Milan voglia a questo punto investire su un numero 10 che sappia anche giocare sulla fascia destra. Un top player, o quanto meno un elemento di alto tasso tecnico, che non solo faccia le fortune di mister Pioli, ma riaccenda nuovamente l’entusiasmo della piazza milanista.

I nomi? Marcos Asensio resta una pista percorribile, anche se i 6 milioni netti di ingaggio richiesti dal talento del Real Madrid non convincono ancora la società rossonera. Charles de Ketelaere è un profilo concreto e molto apprezzato, ma anche qui il discorso economico va limato, visto che il Bruges chiede 40 milioni di euro. Come terza opzione c’è anche Junior Traoré, talento del Sassuolo che potrebbe giocare in qualsiasi zona della trequarti.

Marco Asensio
Marco Asensio (©LaPresse)

Dunque si prevede un esborso importante per il reparto d’attacco e per garantire maggior fantasia e qualità alla manovra del Milan. Ed in difesa? Le soluzioni sono due: o puntare su un acquisto low-cost per completare il reparto dei centrali, come Thiaw dello Schalke 04 o Theate del Bologna.

Altrimenti si può restare così, con la coppia vincente Tomori-Kalulu, con il rientro di Kjaer e con la permanenza di Gabbia. Mancherebbe forse un ricambio top e di prospettiva, ma forse nell’estate 2022 il Milan dovrà risolvere altre priorità.