Di nuovo compagni di squadra: Origi lo ritrova al Milan 7 anni dopo – FOTO

Origi è ufficialmente un nuovo giocatore rossonero e c’è una curiosità: ritrova in squadra uno che è già stato suo compagno in passato.

Il Milan ha annunciato l’ingaggio di Divock Origi, dopo visite mediche e firma della scorsa settimana. Il belga rinforza l’attacco di Stefano Pioli in attesa del rientro di Zlatan Ibrahimovic nel 2023.

Divock Origi
Divock Origi (foto AC Milan)

Anche il nuovo arrivato ha un infortunio da smaltire, ma le tempistiche sono decisamente più brevi. Si tratta di un problema muscolare che ha accusato a maggio e che lo costringerà a svolgere del lavoro personalizzato prima di potersi allenare con il gruppo a Milanello.

Non è chiaro quando sarà a disposizione, però l’ex Liverpool cercherà di esserci il prima possibile. È molto motivato a fare bene con la maglia rossonera, sa di essere approdato in un club storico e ha tanta voglia di dare il suo contributo per vincere altri trofei dopo lo Scudetto dell’ultima stagione.

Origi e Kjaer insieme al Milan: non è la prima volta

C’è anche una curiosità legata all’approdo di Origi al Milan e riguarda un compagno di squadra con il quale ha già giocato in passato. Ci riferiamo a Simon Kjaer, che ritrova in rossonero dopo aver avuto assieme a lui un trascorso al Lille.

Il difensore danese ha giocato in Francia nelle stagioni 2013-2014 e 2014-2015, dopo le esperienze con Palermo, Roma e Wolfsburg. In quella squadra c’era anche Origi, che è cresciuto nel settore giovanile del Lille dopo aver lasciato quello del Genk nel 2010.

Entrambi poi lasciarono la Ligue 1 nell’estate 2015. Kjaer si trasferì in Turchia per giocare con il Fenerbahce, mentre Divock volò in Inghilterra per indossare la maglia del Liverpool. A distanza di sette anni si ritrovano ad essere nuovamente compagni di squadra, ma nel Milan.

Simon è tra i calciatori più esperti del gruppo allenato da mister Pioli e può aiutare molto il nuovo arrivato a inserirsi. Origi non dovrebbe avere problemi a legare con i nuovi compagni, diversi di loro parlano francese e/o inglese. Ma si è comunque detto pronto ad apprendere quanto prima la lingua italiana.