ML – Bakayoko a Casa Milan: i motivi della visita

Il rossonero è da poco arrivato a Casa Milan. C’è chi penserà subito a motivazioni di calciomercato, ma la realtà dei fatti è un’altra…

Lunedì 4 luglio ha avuto inizio il raduno pre-stagionale del Milan. Tanti rossoneri si sono ritrovati alla corte di Stefano Pioli a Milanello per dare il via alle settimane di preparazione in vista dell’inizio del campionato del 13 agosto. 

Bakayoko Casa Milan
Bakayoko Casa Milan (©LaPresse)

Ovviamente, il gruppo presente è al momento a ranghi ridotti, dato che mancano tanti rossoneri che si stanno godendo le meritate vacanze dopo gli impegni con le Nazionali. La squadra sarà al completo a Milanello il 15-16 luglio, e da quel momento in poi Stefano Pioli potrà cominciare a testare seriamente i giocatori in vista della prossima stagione.

Presenti in questi primi giorni anche quei rossoneri che non rientrano più nel progetto tecnico del club e che assai probabilmente lasceranno il Diavolo quest’estate. Esempi lampanti, Samuel Castillejo, Mattia Caldara e Tiemouè Bakayoko. I tre giocatori rappresentano i primi esuberi della squadra milanista, con Paolo Maldini e Frederic Massara che stanno cercando la migliore soluzione per il loro futuro.

Il primo, lo spagnolo, è molto probabilmente diretto in patria, dove vi farà ritorno per giocare in qualche club di Liga. Ancora nessuna offerta, ma è chiaro che la sua permanenza in rossonero non ha più alcun senso. Stesso discorso per Caldara, che gode del particolare interesse di alcuni club di Serie A come Spezia e Bologna.

Più complicata, invece, la situazione di Bakayoko. Il francese ha svolto soltanto uno dei due anni di prestito che il Milan aveva concordato con il Chelsea, ma è già giunta al capolinea la sua seconda esperienza in rossonero.

Milan, il giocatore in sede: svelate le motivazioni

Bakayoko aveva fatto benissimo nel suo primo anno al Milan nel 2018. Si era affermato come una delle migliori pedine di Gennaro Gattuso, ma la cifra del riscatto dal Chelsea era troppo esagerata e per questo non fu acquistato a titolo definitivo. Si sperava che la sua seconda esperienza in rossonero avesse lo stesso seguito, ma il centrocampista non ha minimamente rispettato le aspettative.

Per questo, Pioli non lo ritiene un giocatore utile al suo progetto, e Maldini e Massara hanno già allacciato i contatti con i blues per rescindere in anticipo il contratto di prestito biennale. Si proverà a trovare la migliore soluzione per il club e per il giocatore. Intanto, Baka si è recato oggi a Casa Milan, e ovviamente si è subito accostato il motivo della sua visita al calciomercato.

In realtà, Tiemouè è andato in sede soltanto per sbrigare delle commissioni personali. Nulla a che vedere con la sua situazione contrattuale. Per quella bisognerà ancora attendere!