Calciomercato Milan, niente rinnovo: sarà addio!

Il rossonero non dovrebbe prolungare il suo contratto con il Milan: si profilano due soluzioni per il suo futuro

Manca poco più di un mese all’inizio del campionato e domani il Milan giocherà la sua prima amichevole estiva contro l’ASD Lemine Almenno. Pioli inizierà a testare le condizioni dei suoi e proverà i alcuni meccanismi di gioco.

Paolo Maldini
Paolo Maldini (©LaPresse)

La rosa non è però ancora la completo perché il mercato è ancora lungo e nelle prossime settimane ci dovrebbero essere dei movimenti sia in entrata che in uscita. Se da una parte è chiaro in quali ruoli Maldini e Massara vogliono rinforzare i rossoneri, dall’altra non ci sono ancora certezze su quali saranno i nomi dei rinforzi, considerato comunque che alcuni profili sono stati individuati da tempo e le trattative procedono ad oltranza.

Oltre alle operazioni in entrata ci sarà poi da sfoltire la rosa, andando a piazzare alcuni elementi che non fanno più parte dei piani del Diavolo. In questo senso i rossoneri sono già riusciti a cedere Leo Duarte a titolo definitivo all’Istanbul Basaksehir e Samu Castillejo al Valencia., mentre è questione di giorni per Mattia Caldara allo Spezia.

Plizzari pronto a lasciare il Milan: ipotesi in A e B

C’è poi un altro calciatore rossonero che potrebbe lasciare Milano in questa sessione di mercato, ovvero il portiere Alessandro Plizzari. Il 22enne, estremo difensore anche della nazionale Under 21, non rinnoverà il contratto con il Milan, che è in scadenza nel 2023. Si sta ragionando quindi su una cessione a titolo definitivo, perché con un solo anno di contratto il prestito non è possibile. A riferire la notizia è il giornalista Luca Bianchin della Gazzetta dello Sport.

Bianchin spiega inoltre che ci sono due ipotesi: andare in un club di Serie A per fare il vice oppure essere titolare in una squadra di Serie B. Plizzari ha già giocato gli ultimi sei mesi in prestito al Lecce e adesso vuole provare una nuova esperienza per continuare il suo percorso di crescita e di maturazione, che molto probabilmente sarà lontano dal club con il quale è cresciuto.