Wijnaldum al Milan, come stanno le cose: la verità sul super colpo

Il Milan può davvero prendere Georgino Wijnaldum dal PSG? Una speranza che però è resa difficoltosa da diverse motivazioni.

Ieri sera Gianluca Di Marzio, in diretta su Sky Sport, ha lanciato un nuovo nome in orbita Milan. Ai rossoneri sarebbe stato offerto il cartellino di Georgino Wijnaldum, centrocampista del PSG.

Georginio Wijnaldum
Georginio Wijnaldum (©LaPresse)

Un profilo che ovviamente fa sognare i tifosi rossoneri. Wijnaldum, ex centrocampista del Liverpool, è una delle mezzali più forti a livello europeo. Leader della Nazionale olandese, un calciatore che sa fare praticamente tutto in mezzo al campo, anche con uno spiccato senso del gol.

Ma il Milan può realmente ingaggiare Wijnaldum, come alternativa all’ormai quasi sfumato Renato Sanches? Per vari motivi l’operazione appare difficile e tortuosa. Ma in questo mercato fatto di risparmi, colpi low-cost e calciatori svincolati non si può mai dire l’ultima parola.

Wijnaldum, lo stipendio ‘top’ frena il Milan. Ma il PSG vuole cederlo

Il primo motivo per cui sarà difficile che il Milan riesca ad ingaggiare Wijnaldum riguarda l’ingaggio che l’olandese percepisce a Parigi. Lo scorso anno, sbarcato in Ligue 1 da svincolato, si è accordato con il PSG per uno stipendio da circa 9,7 milioni netti a stagione.

Una cifra a dir poco esorbitante che lo rende inacquistabile per la maggior parte di club europei. Il Milan, che tra l’altro si vanta di aver dettami ferrei sul monte ingaggi, non potrebbe mai accollarsi l’intera portata dello stipendio di Wijnaldum, anche se potrebbe vantare qualche agevolazione dal Decreto Crescita sulla cifra lorda.

psg
Il PSG festeggia (©LaPresse)

Altro elemento dubbioso è la collocazione tattica. Wijnaldum dà il meglio di sé in un centrocampo schierato a tre, avendo vinto tutto con il Liverpool nel 4-3-3 di Jurgen Klopp. L’olandese è una mezzala classica di grande spunto e imprevedibilità. Ma tale problematica è arginabile, visto che si tratta di un calciatore talmente esperto da sapersi eventualmente immedesimare anche da mediano davanti alla difesa.

Da non sottovalutare la componente età. Wijnaldum è un classe 1990, a novembre compirà 32 anni. Non è certamente da buttare, ma rispetto agli altri nomi cercati dal Milan in estate (De Ketelaere, Sanches o Botman) si tratta di un calciatore ben più maturo, forse fuori dall’idea del progetto tecnico di prospettiva del duo Maldini-Massara.

Dubbi e difficoltà legittime. Ma non è detto che l’affare non vada in porto. Il PSG, come è noto, vuole cedere diversi elementi per introdurne dei nuovi. Se i parigni dovessero cedere Wijnaldum ad una cifra abbordabile e preoccuparsi di gran parte del suo ingaggio, allora potrebbe diventare un’operazione più fattibile. Lo stesso vale per Abdou Diallo, difensore che il Napoli sta cercando di prendere, ma solo grazie all’aiuto economico del ricco PSG.