Vergogna a Ferrara: interisti insultano uno juventino, è costretto a cambiarsi – VIDEO

Davvero incredibile ciò che è accaduto ieri allo stadio Mazza di Ferrara, tutto per via di un gesto da parte di un tifoso sugli spalti.

Ieri sera, oltre al Milan campione d’Italia, è andata in scena anche una delle uscite estive dell’Inter. La rivale numero uno dei rossoneri ha giocato un test match interessante a Ferrara.

tifoso juve
Il tifoso juventino a Ferrara (screenshot)

2-2 il risultato finale tra Inter e Monaco, con i francesi andati avanti addirittura per due reti, poi rimontate dai gol di Gagliardini e del neo acquisto Asllani.

Ma più che del risultato e della partita in sé, ha fatto discutere un episodio accaduto sugli spalti dello stadio Mazza di Ferrara. Tutto è accaduto quando un tifoso presente per vedere l’amichevole ha indossato una maglia della Juventus, acerrima nemica dell’Inter.

Spunta lo juventino allo stadio: scoppia il caos con gli interisti

Il video che sta circolando sul web e sui social è già virale. In pratica viene mostrato come un tifoso indossi una maglia della Juventus, la classica tenuta a righe bianconere. Il problema è che lo ha fatto in mezzo a centinaia di tifosi rivali dell’Inter.

Non appena qualcuno comincia ad accorgersi di questo insolito abbigliamento, cominciano i cori, gli insulti e le offese nei confronti del tifoso. Addirittura viene avvicinato da qualche nerazzurro che gli intima di andarsene o di cambiare maglia, mentre gli steward dello stadio Mazza provavano a fare da scudo.

Ancor più paradossale quello che accade dopo. Al tifoso, forse in vena di provocazioni, viene chiesto di indossare una maglia basica da mettere sopra a quella della Juve che tanto odio ha scatenato tra gli ultras nerazzurri. Nel video si vede il ragazzo, intimato anche dalle forze dell’ordine, sostituire la maglia da calcio con una camicia. Ma anche questa di colore bianco e nero, fatto che non placa per nulla l’astio nei suoi confronti.

 

Come detto forse si è trattato di una provocazione, forse di un gesto neanche ragionato. Fatto sta che l’odio tra tifoserie sta sfociando sempre più in stupidità, soprattutto quando il branco si trova a fronteggiare uno o pochissimi tifosi rivali. Ciò che si è visto a Ferrara ieri sera è solo la sintesi di quanto il calcio troppo spesso venga preso come una sorta di missione, tanto da creare odio e vergogna.