Calciomercato Milan, c’è il via libera: Maldini prende tempo

Le ultime sulla questione difensore, uno degli obiettivi che il Milan sta provando a chiudere per rinforzare la retroguardia.

Grandi manovre finalmente in casa Milan. I rossoneri, se si esclude il già programmato colpo Origi a parametro zero ed i riscatti di Florenzi e Messias, ancora deve muoversi a tutti gli effetti.

Paolo Maldini
Paolo Maldini (©LaPresse)

Si aspetta lo squillo di Paolo Maldini, magari entro la fine del mese di luglio, per consentire a Stefano Pioli di lavorare con una rosa al completo in vista del debutto stagionale fissato per il 13 agosto.

Intanto arrivano novità su una delle operazioni che il Milan sta provando a chiudere in questi giorni. Ovvero il rinforzo in arrivo per la difesa rossonera direttamente dalla Premier League.

Paratici-Maldini, incontro a Milano: cosa si sono detti

Aggiornamenti sull’operazione Japhet Tanganga, difensore inglese che il Milan considera il primo obiettivo per la propria retroguardia. Il centrale classe ’99 può lasciare il Tottenham ed i rossoneri stanno lavorando ad una formula condivisa.

Come già anticipato da ore, il d.s. degli inglesi Fabio Paratici è in Italia. L’obiettivo dell’ex juventino è quello di incontrare diversi club di Serie A per cercare di piazzare alcuni esuberi degli Spurs. Tra questi anche il Milan, proprio per dialogare del futuro di Tanganga.

Tanganga
Japhet Tanganga (©LaPresse)

Il Tottenham ha ufficialmente dato il via libera alla partenza di Tanganga, anche se vanno deliberati alcuni dettagli con il Milan. Lo stesso difensore appare tentato dall’idea di giocare con i campioni d’Italia e dunque avrebbe anche lui dato l’ok al trasferimento. Ma pare essere la stessa società rossonera per ora a frenare.

Come riportato da Calciomercato.it, Maldini avrebbe fatto sapere a Paratici di avere al momento un’altra priorità assoluta: l’affare Charles de Ketelaere. Gli sforzi di mercato dei rossoneri in questi giorni saranno tutti concentrati sul belga, obiettivo dichiarato per la trequarti e sempre più vicino alla fumata bianca.

Una volta risolta la questione con il Bruges, il Milan potrà fiondarsi su Tanganga. Neanche il Tottenham al momento ha fretta di cedere il difensore inglese, soprattutto dopo il recente stop di Ben Davies. Ma l’idea è quella di trattare in maniera serrata con i rossoneri per il suo trasferimento. Il Milan punta ad un prestito con diritto di riscatto, gli Spurs vorrebbero inserire direttamente l’obbligo a 25 milioni. Si tratterà presto su queste divergenze.