Milan, 5 nomi per il centrocampo: è caccia aperta

Si sfoglia la margherita alla ricerca del nome giusto: il Milan è chiamato a decidere cosa fare per rafforzare il reparto di centrocampo 

Renato Sanches è ufficialmente sfumato nelle scorse ore. L’obiettivo numero uno del Milan per il centrocampo ha deciso di continuare a giocare in Ligue 1, vestendo la maglia del Psg.

Grillitsch
Florian Grillitsch (ANSA)

Si era in attesa solamente dell’affondo dei francesi, che una volta arrivato hanno chiuso l’affare. Va in archivio dunque una telenovela, durata anche troppo: ora il Diavolo è chiamato a cercare altrove il sostituto di Franck Kessie. L’erede dell’ivoriano, che ha deciso di proseguire la propria carriera con il Barcellona, non sarà nemmeno Carney Chukwuemeka, che ha scelto il Chelsea.

Ora tutti i tifosi del Diavolo si stanno chiedendo chi possa essere il colpo in mediana. Non è da escludere che alla fine si decida di dare fiducia a chi si ha in casa: oltre a Bennacer e Tonali possono giocare a centrocampo anche Adli, Krunic e Pobega. Senza dimenticare che in rosa c’è ancora Bakayoko. Le alternative non mancano anche se ci si aspetta qualcosa in più. Negli ultimi giorni sono tornati di moda i nomi di Sarr, Ndombele e Douglas Luiz ma ancora non si è deciso su chi affondare il colpo. E’ certo che sul taccuino di Maldini e Massara non mancano le alternative ma bisogna scegliere per bene e le idee non mancano.

Due idee dalla Serie A

Partiamo da un presupposto: non è ancora chiaro se Maldini e Massara, in comune accordo con Pioli, siano alla ricerca di un sostituto di Kessie anche per caratteristiche e non solo numerico. Se sì, nel massimo campionato italiano c’è un calciatore che ha fatto bene e che ricorda certamente l’ivoriano: è Tameze del Verona. I gialloblu non sono riusciti a cedere, ancora, né Barak né Simeone, che sembravano destinati a far le valigie. Chissà che non sia lui a dire addio al Verona. Un’operazione alla Messias, visto che i costi non dovrebbero essere troppi alti.

Nella stessa squadra ma con caratteristiche molto diverse c’è un altro calciatore molto interessante: è Ilic, ex Manchester City che potrebbe andare alla Lazio. Se Pioli ha chiesto un centrocampista con qualità differenti da Kessie, lui può essere una buona soluzione; in questo caso è probabile che l’Hellas chiesa qualcosa in più rispetto a Tameze.

Uno sguardo all’estero

Il Milan compra poco in Italia, sia per una questione di prezzi – sempre molto gonfiati – che per la possibilità di applicare il Decreto Crescita, possibile solo per chi arriva da fuori. Ma attenzione perché non è solo una questione economica ma anche tecnico e tattica: gli esempi recenti proprio in casa rossonera ne sono una prova. Chi arriva da fuori rende di più, nonostante i tanti ostacoli. Ecco, in questa chiave, occhio alle possibilità da Germania e Francia, due campionati molto attenzionati da Maldini e Massara.

Il primo nome utile è Florian Grillitsch: l’austriaco classe 1995 è svincolato e rappresenta certamente un’opportunità. Un’altra idea può essere rappresentata da Seko Fofana, da tempo sul taccuino del Diavolo ma il suo costo appare alto per l’idea di affare che Maldini e Massara sono intenzionati a fare. Fofana è simile a Kessie, segna ed è un giocatore dinamico, inoltre conosce già la Serie A perché ci ha giocato con l’Udinese. Più abbordabile, ma con caratteristiche completamente diverse, Onana del Lille (da non confondere con l’Onana del Bordeaux, anche lui sul taccuino dei rossoneri). Il 2001 avrebbe la fisicità giusta per sostituire Kessie. Tanti possibili nomi sul taccuino del Diavolo: il Milan riflette e presto deciderà come muoversi.