De Ketelaere al centro del Milan: Pioli pensa a una variante tattica

Buon inizio per De Ketelaere con la maglia rossonera: Pioli con il belga può valutare più soluzioni tattiche da adottare per la squadra.

L’ultimo weekend era molto atteso dai tifosi del Milan, che non vedevano l’ora di ammirare in campo Charles De Ketelaere. Dopo una lunga trattativa per il suo acquisto, c’era grande voglia di vederlo finalmente all’opera.

Pioli De Ketelaere
Stefano Pioli e Charles De Ketelaere (Foto AC Milan)

Il 21enne belga ha debuttato sabato al 75′ dell’amichevole contro il Vicenza. Ha avuto alcuni spunti interessanti ed è andato anche vicino al gol. Il giorno seguente è stato schierato come titolare nell’ultimo match giocato a Milanello contro la Pergolettese e l’ex Club Brugge ha realizzato tre reti. Una su calcio di rigore, una con una conclusione mancina dall’interno dell’area e una con un colpo di testa da corner.

Era solo un’amichevole contro una squadra di Serie C, però il giovane talento rossonero ha fatto intravedere sprazzi delle sue qualità. È uno a cui piace attaccare l’area e cercare la via del gol, oltre ad essere bravo anche nel dialogo con i compagni. Vedremo come si comporterà quando arriveranno le gare ufficiali, a partire da quella di sabato contro l’Udinese, la prima del nuovo campionato di Serie A a San Siro.

Milan, Pioli pensa anche a un nuovo modulo

Stefano Pioli ha schierato De Ketelaere da trequartista contro il Vicenza e la Pergolettese, quindi sembra intenzionato a puntare su di lui in quel ruolo. Il belga può agire anche da attaccante e da esterno destro offensivo, ma pare che l’intenzione sia quella di farlo giocare da 10.

Il modulo di base del Milan è il 4-2-3-1, anche se poi la disposizione tattica può cambiare nel corso della partita dato che i giocatori fanno tanto movimento e non danno riferimenti fissi agli avversari. Il Piolismo è anche questo. Ad ogni modo, il mister sta anche pensando a delle varianti.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©LaPresse)

Oggi La Gazzetta dello Sport evidenzia la possibilità che la squadra rossonera venga schierata con un 4-3-1-2, quindi con un centrocampo più folto e che sarebbe composto dal trio PobegaBennacerTonali. Da ricordare che Tommaso e Sandro nascono mezzali, quindi non si troverebbero male con un simile modulo.

Il trequartista sarebbe sempre De Ketelaere, ma alle spalle di due punte. Il quotidiano sportivo nazionale ha messo Divock Origi e Rafael Leao. L’ex Liverpool non è ancora a posto fisicamente e probabilmente non ci sarà nella prima giornata contro l’Udinese, però è una risorsa importante per il Milan. Può giocare sia da punta unica che con un partner.

Leao può fare la seconda punta, anche se il meglio lo dà come esterno offensivo. In ogni caso, si può allargare e accentrarsi, non sarebbe un grosso problema per lui il cambio di modulo. Chiaramente per adesso quella del 4-3-1-2 rimane un’ipotesi, vedremo se troverà applicazione effettiva in campo. Dipenderà dalle partite. Pioli è aperto ai cambiamenti, anche a match in corso.