Daniel Maldini: “Difficile lasciare casa ma era necessario”

Daniel Maldini si presenta allo Spezia. Il figlio di Paolo ha iniziato con un goal, all’esordio, ora ha voglia di proseguire così. Le sue dichiarazioni

L’avventura di Daniel Maldini con la maglia dello Spezia è iniziata come meglio non si poteva. Il classe 2001 ha giocato gli ultimi minuti del match di Coppa Italia, contro il Como, riuscendo a trovare la rete.

Daniel Maldini
Daniel Maldini (©LaPresse)

Il figlio di Paolo, dopo una stagione passata in panchina, ha deciso di cambiare aria. Una scelta difficile ma inevitabile: Daniel è riuscito a lasciare il segno sullo Scudetto, realizzando un goal decisivo proprio contro lo Spezia, ma in totale Maldini ha disputato solamente 13 partite, tra Serie A, Coppa Italia e Champions League, per un totale di 239 minuti.

A gennaio sarebbe potuto andare alla Spal. Niente da fare, ora il trasferimento ufficiale allo Spezia, dopo essere stato vicino al Verona.

Maldini si presenta

Maldini ha voglia di crescere e di tornare più forte al Milan. Oggi il classe 2001 si è presentato alla stampa: “Andarmene da casa è difficile ma mi serviva giocare e trovare nuovi stimoli – riporta il Corriere dello Sport -. Stiamo provando ad alzare sempre più l’asticella per essere ogni volta più competitivi e guadagnare punti importanti”.

Voglia di giocare – “Ho deciso di venire a La Spezia anche per questo, per trovare più minuti e continuità. Adesso stiamo lavorando assieme al gruppo, mi auguro di trovare presto la forma fisica corretta”.

Inizio al top – “Non abbiamo tempo, serve partire alla grande. Prima si fa e meglio è. La Coppa Italia ha visto uscire alcune squadre, nessuno vuole perdere ma ce la metteremo tutta”.