Milan, scelto il difensore: arriva in prestito

Il Milan ha scelto il difensore: appare essere solo questione di tempo. E’ pronto ad arrivare in prestito con diritto di riscatto

Ritorna finalmente il calcio giocato. Oggi alle 18.30, allo stadio San Siro, il Milan di Stefano Pioli, giocherà la sua prima partita di campionato, contro l’Udinese di Sottil. Una partita non facile per i rossoneri, che con i friulani hanno sempre avuto problemi. L’anno scorso, i campioni d’Italia non sono riusciti a batterli, solo due pareggi per 1 a 1.

Maldini e Massara
Maldini e Massara (©LaPresse)

Pioli ha già scelto la formazione che schiererà stasera. Ha deciso di lasciare in panchina i nuovi acquisti. Ieri il tecnico è intervenuto in conferenza stampa, lasciando intendere di essere in attesa di altri colpi. Maldini e Massara si faranno trovare pronti se si presenteranno le occasioni.

Pioli, dunque, appare tranquillo e non ha la certezza di accogliere nuovi calciatori. La dirigenza sa che il mister campione d’Italia si aspetta un difensore e un centrocampista, che possano colmare il vuoto lasciato da Alessio Romagnoli e Franck Kessie.

In questi giorni si sono fatti tanti nomi soprattutto per la mediana, a dimostrazione che una scelta non è stata ancora fatta. In cima alla lista sembra esserci Onyedika ma il Milan non ha ancora affondato il colpo nonostante una valutazione inferiore ai dieci milioni di euro.

La scelta in difesa

Dietro, invece, le idee appaiono molto più chiare, salvo, chiaramente, sorprese: di fatto è una corsa a due tra Diallo del Psg e Tanganga del Tottenham. Il francese, oggi, è certamente il preferito, anche per la capacità di giocare a sinistra. Sarebbe una buona alternativa a Theo Hernandez, considerando che Ballo-Touré non convince ancora.

Serve chiaramente che Campos apra al prestito con diritto di riscatto. E’ questa la formula con cui il Milan ha intenzione di portarsi a casa il centrale. Una formula non ancora accettata dal Psg ma negli ultimi giorni potrebbe esserci un’apertura soprattutto se sotto la Torre Eiffel dovesse arrivare Milan Skriniar, o un altro centrale.

Sempre più defilato resta N’Dicka, che appare intenzionato a liberarsi dall‘Eintracht Francoforte a parametro zero fra un anno.