Milan-Udinese, Pioli: “Vittoria importante, ma troppi errori in difesa. Contento per Rebic”

Le dichiarazioni a caldo di Stefano Pioli, allenatore del Milan, dopo la prima gara di campionato giocata contro l’Udinese.

Il Milan ha da poco concluso la sua prima gara ufficiale della stagione. A San Siro vittoria per 4-2 sull’Udinese, in un match ricco di emozioni e più combattuto del previsto.

Pioli
Stefano Pioli (©LaPresse)

Stefano Pioli è intervenuto ai microfoni di DAZN per commentare la prestazione dei suoi. Il tecnico può essere soddisfatto per la prima vittoria stagionale, soprattutto per la grinta dimostrata dal Milan nel rimontare e vincere.

Non è stata una partita scontata: “Cosa non c’è piaciuto sicuramente di prendere gol dopo poco come a Vicenza. Dobbiamo cominciare meglio le partite. Poi abbiamo fatto 30′ di gran calcio, affrontando un avversario pericoloso e fisico. Dobbiamo fare meglio, ma ci portiamo via cose positive”.

Rebic rientrato ad alti livelli: “Ci aiuta tantissimo, Ante è fortissimo. Sa muoversi, sa legare il gioco, va in profondità. Ha tutto per essere importante, lo sa lui e lo so io. Ha cominciato bene, siamo contenti, ma le prestazioni degli attaccanti si giudicano non solo per i gol. Ha lavorato tanto senza palla, complimenti”.

Importante il gol di Brahim Diaz: “A Brahim chiediamo di essere presente dentro l’area, di essere efficace negli assist. Oggi ha segnato e fatto segnare, lui come altri ha giocato con leggerezza troppi palloni in mezzo. Dobbiamo lavorare su questo, ma la volontà, l’energia e l’intensità nel crederci c’è stata. I difetti ci faranno lavorare ancora meglio”.

Sulla fase difensiva: “Abbiamo preso 2 gol su palla inattiva, anche il secondo da rimessa laterale. Bisogna lavorare meglio in queste situazioni. Quando lavoriamo bene davanti anche i difensori sono favoriti, abbiamo difensori che possono stare più alti. A volte sembriamo più attenti e intensi quando siamo alti rispetto a quando siamo vicini all’area, è un errore grave da curare. Ci servirà lavoro e attenzione, perché domenica c’è l’Atalanta”.

Prima impressione su De Ketelaere: “Impressioni positive, è un ragazzo intelligente e si vede in campo, legge in anticipo le situazioni. La sua condizione non è la migliore ma tutti questi spezzoni lo stanno aiutando. Noi cerchiamo di riempire le linee con più giocatori, lui magari sapeva farlo da solo. Sul suo potenziale non ci sono dubbi, bisogna però dargli tempo per capire al meglio questo calcio”.

L’ottima condizione fisica del Milan: “Onestamente devo dire che abbiamo fatto gli stessi carichi dello scorso anno. Credo sia troppo importante essere subito pronti. Ci alleniamo con intensità, dal 4 luglio abbiamo lavorato tutti con grande voglia, ma è anche il modo di giocare che ti porta ad un tipo di prestazione, soprattutto mentale. I ragazzi sanno che dobbiamo correre tanto, se lo facciamo possiamo dominare meglio la partita e sentirci più forti degli avversari”.

Il coro di ‘Pioli is on fire’ continua a spopolare: “Spero proseguano nel cantarlo a lungo. L’importante era tornare a vincere davanti ai nostri tifosi. Dobbiamo ora lavorare, cercare di essere il più perfetti possibile”.