Kjaer: “Dovevamo vincere. Sono uscito perché ho avuto paura”

Simon Kjaer ha parlato al termine di Sassuolo-Milan. Il difensore ha spiegato il motivo del suo cambio e si è detto amareggiato del risultato…

Soltanto 0-0 al MAPEI Stadium tra Sassuolo e Milan. I Campioni d’Italia non sono riusciti a bucare la difesa avversaria, e al contrario hanno evitato lo svantaggio grazie ad una super parata di Mike Maignan. Non la migliore partita per i rossoneri, che hanno mostrato diversi limiti nell’ultimo passaggio stasera.

Simon Kjaer
Simon Kjaer (©LaPresse)

Certo, la formazione titolare è stata completamente rivisitata, ma si poteva fare qualcosa in più. E a proposito di novità, stasera ha fatto tanto piacere il ritorno di Simon Kjaer in campo dopo ben otto mesi. Il danese ha condotto una gara ordinata e pulita, ma all’80’ ha chiesto il cambio per un fastidio fisico.

Ovviamente c’è stata subito apprensione attorno alle sue condizioni, dato che sedutosi in panchina ha subito applicato del ghiaccio alla coscia destra. Il gigante danese ha spiegato tutto nel post-partita di Sassuolo-Milan. Kjaer è stato intervistato ai microfoni di DAZN da protagonista della gara.

Di seguito le parole del difensore rossonero:

270 giorni sono tanti, tanto lavoro, tanto sacrificio e sono molto contento di essere tornato e aver dato una mano ai miei compagni. Davanti e dietro della gamba mi sentivo pieno e avevo paura di stirare. E per questo ho preso questa decisione. Spero il meglio per il mio amico Florenzi, che non si tratti di nulla di grave. Gestirti è più difficile adesso, ma mi sono sentito molto bene in tutte le parti del gioco. Manca un po’ il cominciare a parlare un po’ di più