Milan-Inter, Pioli: “Leao non deve accontentarsi. Maignan? Non stupisce più”

Pioli ha parlato ai microfoni di DAZN al termine del derby Milan-Inter: il mister si aspettava grande prestazione e risultato positivo.

C’era grande attesa per questo derby tra Milan e Inter a San Siro. Un match che non è ancora decisivo, perché arriva a inizio campionato, però è molto sentito ed entrambe le squadre ci tenevano a vincere.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©LaPresse)

Stefano Pioli ha parlato così ai microfoni di DAZN al termine della stracittadina milanese: “Partita importante, è uno scontro diretto, c’è una grande rivalità. Gli avversari volevano dimostrare di essere superiori per tanti motivi. La squadra mi è piaciuta, per 70 minuti molto bene e poi ci siamo rilassati un po’. I ragazzi non smettono di stupirmi, sono un allenatore felice”.

Col Sassuolo frenesia, oggi il mister è contento del gruppo: “Siamo stati bravi a leggere la partita, l’Inter non ci ha aggredito e ci noi abbiamo palleggiato. Volevamo aprirci di più a sinistra, a volte lo abbiamo fatto. A me piace quando comandiamo la partita, però è difficile farlo per 95 minuti. Abbiamo avuto grande determinazione e cattiveria”.

Il Milan varia abbastanza il gioco, ma senza sbilanciarsi. Pioli ne parla in ottica Champions League, martedì c’è il Salisburgo: “Sono sicuro che siamo cresciuti tanto, anche grazie all’esperienza del girone dell’anno scorso. La Champions richiede un livello alto. Io e lo staff abbiamo visto il Salisburgo, è una squadra molto pericolosa. Bisogna essere preparati, probabilmente faremo cose diverse rispetto al derby. Troveremo una squadra differente, ma è importante la nostra mentalità. Credo che oggi l’Inter si aspettasse che andassimo più alti a prenderli, siamo stati compatti e non abbiamo concesso tantissimo”.

Pioli viene interpellato anche su Rafa Leao, grande protagonista stasera: “Per migliorare servono talento e intelligenza, lui ha entrambi. Ai giovani va dato tempo e anche la possibilità di sbagliare. Cerchiamo di metterlo nelle condizioni migliori, è un’arma importante per la squadra. Lui ha un modo di fare che frega, però è un ragazzo intelligente e ascolta, vuole migliorare. Non deve accontentarsi, deve puntare in alto”.

Il tecnico del Milan parla anche di Mike Maignan: “Se la squadra mi sorprende, Mike non mi sorprende più. Ha uno spessore incredibile come persona e come portiere. Abbiamo tanti giocatori di alto livello, lui è tra questi”.

Pioli è felice di vedere i tifosi rossoneri così carichi e vicini alla squadra: “Mi piace l’energia e la condivisione con il popolo rossonero, lo sentiamo e cerchiamo di mettere in campo tutto quello che abbiamo. Spesso ci riusciamo, a volte capita di sbagliare anche”.