Milan a RedBird, ora si fa sul serio: i prossimi impegni di Cardinale

Gerry Cardinale dopo il derby resterà ancora qualche giorno a Milano per i prossimi appuntamenti decisivi per il suo Milan.

Debutto migliore a San Siro, come nuovo proprietario del club, non poteva esserci. Gerry Cardinale ha vissuto una serata speciale e davvero prestigiosa ieri allo stadio.

cardinale singer
Gerry Cardinale con i Singer (©LaPresse)

Il presidente di RedBird Capital era presente ieri assieme ai vecchi investitori, la famiglia Singer al completo. Un passaggio di consegne effettuato dunque pubblicamente a margine di Milan-Inter.

La presenza di Cardinale in tribuna evidentemente ha portato bene ai rossoneri, vincitori ieri per 3-2. Ma la presenza dell’italo-americano ovviamente non rappresentava solo motivi istituzionali o d’immagine. Per Cardinale sono tanti gli appuntamenti in programma.

Cardinale oggi a Milanello: incontro con la squadra e primi appuntamenti

Secondo la Gazzetta dello Sport, Cardinale è giunto in città per il closing definitivo con Elliott, così da acquisire ufficialmente le quote di maggioranza del Milan ed iniziare la sua nuova avventura nel calcio europeo.

Dopo la presenza a San Siro di ieri, quest’oggi il manager di RedBird sarà a Milanello. Lo aveva anticipato già mister Pioli nei giorni scorsi: il nuovo proprietario rossonero saluterà e farà i complimenti alla squadra, dopo il 3-2 vincente nel derby contro l’Inter. Una visita di cortesia che anticiperà appuntamenti ben più importanti.

Oltre a lavorare per la strategia di crescita, su brand e finanze del Milan, Cardinale dovrà cominciare a muoversi personalmente su diversi fronti. Come ad esempio per lo stadio che diventerà la futura casa rossonera. Il manager vorrà capire quale progetto appare più conveniente e realizzabile per i rossoneri, vista la doppia strada che conduce o al nuovo San Siro in collaborazione con l’Inter, o allo stadio a Sesto San Giovanni in solitaria.

Poi c’è chi chiede uno sforzo a Cardinale in persona per l’affare Rafael Leao. Il rinnovo di contratto dell’attaccante, ieri decisivo nel derby, è difficoltoso e molto oneroso. Servirà l’intervento della nuova proprietà per sbloccare la situazione ed avvicinare il numero 17 alla firma. In ogni caso, Cardinale si tratterrà a Milano qualche giorno. I primi vagiti dell’era RedBird possono già regalare delle soddisfazioni.