“È la squadra migliore del campionato”: il sorprendente giudizio dell’ex Milan

Arriva un giudizio molto particolare e positivo da parte di un ex rossonero, che non nega di avere il dente avvelenato.

Il Milan è secondo nella classifica attuale di Serie A, con 11 punti conquistati in cinque giornate. Un buon andamento, frenato dai due pareggi in trasferta contro l’Atalanta capolista e il Sassuolo.

esultanza
L’esultanza del Milan (©LaPresse)

I rossoneri sono attesi dalla prova Sampdoria. Una squadra in difficoltà in questo avvio di campionato, ma che tra le mura amiche ha già fermato sul pari due big come Juventus e Lazio.

Il tecnico dei doriani è Marco Giampaolo, vecchia conoscenza del Milan. L’allenatore abruzzese ha parlato in conferenza stampa oggi pomeriggio per anticipare i temi della sfida di Marassi.

Giampaolo, parole al miele verso il Milan di Pioli

Giampaolo dovrebbe essere un ex dal dente avvelenato. Per quello che accadde nel 2019, quando il tecnico fu scelto per sostituire Gattuso sulla panchina del Milan, ma fu esonerato dopo circa 100 giorni per via di alcuni risultati insoddisfacenti.

Il suo esonero coincise con l’inizio dell’era Pioli, una scelta che ha portato il Milan a realizzare un percorso eccellente, con tanto di qualificazione Champions e Scudetto nel giro di due anni e mezzo.

Nonostante il passato burrascoso a Milanello, Giampaolo si è dimostrato molto generoso nei giudizi sul Milan, che domani alle 20:45 affronterà la sua Samp allo stadio di Marassi: “Giochiamo domani contro una squadra forte che ha acquisito una consapevolezza nei propri mezzi. Mi piace perché quando gioca lo fa con grande leggerezza e padronanza. Ritengo che il Milan ad oggi sia la squadra migliore di questo campionato. Gioca solo per vincere, quando pareggia è come se fosse stata sconfitta”.

gia
Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria (©LaPresse)

Giampaolo dunque teme la sfida al Milan, che vuole assolutamente continuare il periodo positivo dopo il successo nel derby di sabato scorso. “Dovremo giocare al 110% delle nostre possibilità” – ha ammesso candidamente l’ex tecnico milanista, che cercherà di rendere dura la vita ai rossoneri anche per evitare che la sua posizione alla Sampdoria si comprometta totalmente. Per i blucerchiati finora sono arrivati solo 2 punti in campionato e altrettanti gol fatti.