Milan, svolta tattica: Theo Hernandez come Bale, Pioli ci pensa

Theo Hernandez può cambiare ruolo per l’assenza di Rafael Leao. Il francese sta dimostrando di poter far tutto

Un inizio di stagione da vero leader. Un inizio di campionato da vero campione totale. Theo Hernandez sta dimostrando di essere sempre più un calciatore totale.

Le solite sgaloppate sulla fascia a mille, anche negli ultimi minuti di gioco quando invece gli avversari hanno finito la benzina. La grande capacità di leggere le partite, riuscendo a giocare in posizione da trequartista.

Theo Hernandez
Theo Hernandez (©LaPresse)

Theo Hernandez continua ad essere un’arma importante per il Milan di Stefano Pioli. Il francese è uno dei campioni dei rossoneri, che continua a crescere di partita in partita.

Non si sta accontentando, ha conquistato la Nazionale di Deschamps, diventandone un punto fermo. L’ex Juve lo utilizza in posizione avanzata, liberandolo dalle mansioni difensive.

In queste prime partite di Serie A, come d’altronde nel finale di stagione che ha portato allo scudetto, l’ex Real ha dimostrato di essere diventato un difensore più che affidabile. Diagonali, chiusure perfette, che hanno ricordato quelle del suo leader.

Il goal contro la Fiorentina è qualcosa di inimmaginabile per un difensore. Un goal, entrato nella storia non solo del Milan ma dell’intero calcio italiano. Hernandez è molto di più di un difensore.

Oggi, con molta probabilità, è il miglior terzino europeo ma dimostra in ogni gara di poter giocare ovunque. Il francese ha un potenziale immenso e domenica contro il Napoli potremmo ammirarlo in un’altra posizione.

Come Bale

È stato Stefano Pioli a lasciare intendere che Hernandez a San Siro, contro la squadra di Luciano Spalletti, potrebbe disimpegnarsi da esterno alto, sulla sinistra, al posto di Rafa sccael Leao. Il portoghese sarà squalificato e l’alternativa, Ante Rebic, ad oggi non è disponibile. I guai alla schiena, accusati alla vigilia del match contro il Sassuolo, non sono ancora spariti. Le sue condizioni verranno valutate giorno dopo giorno ma le possibilità di vedere Hernandez alto non sono poche.

Chiaramente come terzino sinistro giocherebbe uno tra Ballo-Toure e Sergino Dest. L’alternativa sarebbe Alexis Saelemaekers, in attesa di capire se Origi potrà essere del match. Con l’ex Liverpool si potrebbe pensare anche ad un attacco a due punte e il trequartista. Ma prima testa a mercoledì, al match contro la Dinamo Zagabria.

Vedere Theo Hernandez alto fa un po’ pensare a Bale e a chi in passato lo ha paragonato a lui. La crescita difensiva sta portando a pensare che l’evoluzione del francese non sarà uguale a quella dell’ex Real ma siamo certi che se dovesse giocare al posto di Leao, Theo dimostrerà di essere capace a interpretare bene il ruolo.