Kessie è il passato: via ad una nuova era

Pobega risponde presente, ora è una nuova arma per Stefano Pioli. L’italiano sta mettendo sempre più minuti nelle gambe

Nel calcio si va di fretta. La pazienza non è mai stata amica dei tifosi, che vogliono tutto e subito. Al Milan, in realtà, la situazione, nell’ultimo periodo, è un po’ cambiata.

Paolo Maldini
Paolo Maldini (©LaPresse)

La crescita di Rafael Leao e Sandro Tonali, su tutti, dopo stagioni complicate, hanno lasciato il segno. Oggi il tifoso rossonero è più paziente: De Ketelaere non ha avuto, certo, un inizio d’altissimo livello ma i sostenitori del Diavolo, sanno che il belga va aspettato.  La classe è cristallina, è solo questione di tempo affinché emerga, affinché riesca ad integrarsi perfettamente con gli schemi Stefano Pioli. L’investimento è stato importante, 32 milioni di euro, più 3 eventuali di bonus.

Non tutti però godono della ‘fortuna’ di Charles De Ketelaere. Altri calciatori faticano ad entrare nelle grazie dei sostenitori rossoneri.

Tommaso Pobega, ad esempio, non è apprezzato da tutta la tifoseria. Molti si aspettavano che il dopo Franck Kessie fosse affidato ad un calciatore diverso, con maggiore esperienza. Il Milan, invece, ha deciso di affidarsi al classe 1999, cresciuto esponenzialmente con Ivan Juric a Torino, affiancandogli una scommessa come Vranckx.

Le prime partite non sono state facili per Pobega. Il centrocampista è apparso spesso un pesce fuor d’acqua ma col tempo le cose sono migliorate. Non aver fatto tutta la preparazione con la squadra, per via di un piccolo infortunio, un po’ lo ha rallentato ma contro la Sampdoria ha mostrato a tutti di poter essere utile alla causa.

Rinascita

Tommaso Pobega
Tommaso Pobega (©LaPresse)

Pobega, a Genova, è stato autore di un’ottima partita e martedì è arrivato il gol, atteso una vita, che ha fissato il risultato contro la Dinamo Zagabria sul 3 a 1. In quella rete c’è la qualità nell’inserimento del centrocampista ma anche tutta la voglia di urlare al mondo che Pobega può essere utile per questo Milan. L’obiettivo è convincere gli scettici ma molti dei tifosi rossoneri sono stati sempre dalla sua parte e hanno gioito con lui.