Milan, Theo Hernandez infortunato: i tempi di recupero

Ecco quando rientrerà Theo Hernandez. Il francese, verosimilmente, dovrà star fuori 15-20 giorni: le partite che rischia di saltare

I tifosi del Milan in questo momento sono in apprensione per le condizioni di Theo Hernandez. L’allarme, in realtà è scattato, al termine del match contro il Napoli: il francese aveva accusato dei problemi fisici nel corso della partita, decidendo però di continuare a giocare. Una decisione che ha reso orgogliosi i sostenitori del Diavolo ma che potrebbe aver peggiorato le sue condizioni.

Theo Hernandez
Theo Hernandez (©LaPresse)

In tarda mattinata è arrivato il responso: gli esami a cui è stato sottoposto il terzino mancino hanno confermato lo stiramento del lungo adduttore destro. Il calciatore verrà ricontrollato fra una settimana. E’ questa la nota fatta pervenire dal Milan. 

La situazione legata a Theo Hernandez, verrà, dunque rivalutata fra sette giorni. La pausa per le nazionali viene in soccorso di Stefano Pioli. Le tempistiche di recupero sono, di solito stimate in 15/20 giorni. Chiaramente i tempi di ritorno in campo si possono allungare o accorciare a seconda della persona.

Juve nel mirino

Difficile a questo punto immaginare un suo rientro in campo contro l’Empoli, in programma il primo ottobre. Lo staff medico rossonero e lo stesso Theo Hernandez faranno di tutto per far sì che il giocatore sia a disposizione già per la trasferta di Londra. Il match contro il Chelsea, valevole per la terza giornata di Champions League, è in programma il prossimo 5 ottobre. L’8, invece, andrà in scena Milan-Juventus, prima di torna in campo, sempre a San Siro, l’11 ottobre ancora contro gli inglesi. Un trittico importante per il quale si spera di avere in campo il francese, uno dei grandi leader della squadra.

Senza Theo Hernandez a Empoli potrebbe esserci spazio per Ballo-Touré ma non sono escluse altre scelte. Calabria, che dovrebbe tornare a disposizione prima del mancino, potrebbe traslocare a sinistra con l’inserimento di Dest. Non va scartata, infine, l’ipotesi Pierre Kalulu. Con il francese in fascia, toccherebbe a Kjaer affiancare Tomori ma è davvero presto per azzardare cambi di formazione.  Fra sette giorni, quando Theo Hernandez, si sottoporrà a nuovi controlli ne sapremo certamente di più