Adli, nessun caso: ha una missione durante la sosta

Adli non è in nazionale, è rimasto a Milanello: in questo periodo di tempo ha un obiettivo importante da raggiungere.

È iniziata la sosta per le nazionali e Milanello, come altri centri sportivi, si è svuotato. Stefano Pioli ha a disposizione un numero limitato di giocatori per lavorare in questa fase.

Yacine Adli
Yacine Adli (©LaPresse Foto)

Sono ben sedici i rossoneri convocati dalle rispettive nazionali, nella lista non rientra Yacine Adli. Il francese è tra coloro che sono rimasti in Italia e che in questi giorni lavoreranno agli ordini del mister. Per lui sarà un periodo comunque importante.

Per Pioli sarebbe stato utile avere a disposizione anche gli altri giocatori nuovi per potersi inserire meglio nella squadra, ma i vari Sergino Dest, Malick Thiaw e Aster Vranckx sono tutti stati chiamati in nazionale e rientreranno solo dopo i rispettivi impegni.

Milan, Yacine Adli cerca più spazio

Adli deve sfruttare questo periodo di tempo per convincere l’allenatore a dargli maggiore minutaggio. Finora ha collezionato solo 3 presenze, per un totale di 54 minuti in campo, pochissimo. Avendo disputato un ottimo pre-campionato, ci si aspettava che avrebbe avuto più spazio.

Yacine Adli
Yacine Adli (©LaPresse Foto)

Sicuramente l’arrivo di Charles De Ketelaere, altro trequartista, gli ha un po’ chiuso la porta. Al tempo stesso, considerando che spesso Brahim Diaz non ha brillato, ci si attendeva che Pioli lo facesse giocare di più. È stato anche tra i sacrificati della lista Champions League, dove non è stato inserito.

Come spiegato da La Gazzetta dello Sport, non c’è alcun “caso Adli”. Il mister ha parlato sempre bene del centrocampista francese, lo considera un elemento importante della squadra anche se finora gli ha concesso poco spazio. La stagione è lunga e ricca di impegni, dunque dovrebbe avere le sue occasioni per dimostrare quanto vale.

Questo periodo a Milanello durante la pausa nazionale può essere utile ad Adli per capire ancora meglio le idee di calcio e le richieste di Pioli. La sua missione è certamente quella convincere il tecnico a concedergli un minutaggio superiore e si impegnerà per questo obiettivo. La voglia di lavorare e la personalità non gli mancano. Il Milan crede in lui e arriverà il suo momento.