Milan, Pioli attende risposte: spazio al mercato

I nuovi giovani chiamati a dare risposte. Da qui alla pausa servirà davvero l’aiuto di tutti: le diverse situazioni dei calciatori sbarcati a Milano

La stagione ha mandato in archivio ben 9 partite. Sabato Stefano Pioli e i suoi uomini scenderanno per il decimo incontro. Dopo lo stop per le nazionali si giocherà praticamente ogni tre giorni.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©LaPresse)

Da qui alla pausa, prima dei Mondiali, capiremo molto dei calciatori che saranno tornati utili alla causa. E’ evidente che tutti i nuovi giovani acquisti saranno sotto esame.

Lo sarà Yacine Adli, che sembrava essere pronto per giocare fin dall’inizio. Ha trovato spazio ma col contagocce: Pioli non si fida ancora di lui e vedendolo come trequartista è dietro sia a De Ketelaere che a Brahim Diaz.

Chi sembra poter scalare presto le gerarchie è Vranckx. E’ reduce da un’ottima prestazione con la Nazionale Under 21 del Belgio. Ha fatto solo un’apparizione contro la Sampdoria, quando il Milan era rimasto in dieci. Dovrà vedersela contro Krunic e Pobega per riuscire a far rifiatare Tonali e Bennacer, che non potranno giocarle tutte. Il belga è pronto a dare il cambio ai titolari. Aspetta la sua possibilità così come Thiaw.

Il tedesco è stato acquistato a titolo definitivo. Oggi è certamente alle spalle di Kalulu, Tomori e Simon Kjaer. Trova spazio appare davvero complicato. Servirà però vederlo in campo prima di capire se un’esperienza in prestito possa fargli bene. Ad oggi è più facile che la faccia Gabbia, che continua ad essere apprezzato in Serie A.

Milan, da Dest a De Ketelaere: parola al campo

Dest
Dest (©LaPresse)

Discorso diverso merita Sergino Dest, che certamente avrà modo di mettersi in mostra, essendo la prima alternativa a Davide Calabria. Anche l’americano, però, dovrà essere brava a sfruttare le proprie occasioni. Con il Napoli non è proprio andata bene.

E Charles De Ketelaere? Il belga, diversamente dagli altri ultimi arrivati, che stanno giocando con il contagocce, è un titolare. Pioli è sempre più soddisfatto di lui. Chiaramente deve crescere, diventando sempre più decisivo. Serve il goal come fatto da Pobega, che è già riuscito a ritagliarsi un ruolo all’interno del nuovo Milan di Pioli. La speranza è che anche tutti gli altri ci riescano.