Milan-Leao: un nuovo ostacolo per il rinnovo

Il Milan vuole blindare Leao ma alle giuste cifre. L’attaccante ha un contratto in scadenza il 30 giugno 2024: ecco la situaizone

E’ vigilia di campionato. Domani il Milan di Stefano Pioli farà ritorno in campo, contro l’Empoli. I rossoneri saranno di scena al Castellani senza diversi giocatori.

Leao-Tonali
Leao-Tonali (©LaPresse)

Non ci saranno sicuramente Florenzi, Ibrahimovic, Origi, Theo Hernandez e Mike Maignan. Soprattutto le ultime due sono due assenze davvero pesanti. Il portiere e il terzino francese hanno dimostrato di essere due veri e propri leader, fuori e dentro al campo.

La notizia positiva, rispetto all’ultima uscita ufficiale, quella contro il Napoli a San Siro, è il ritorno di Rafael Leao, che ha scontato la squalifica. Sarà chiamato a dimostrare, ancora una volta, di essere maturato e di essere diventato, ormai, uno dei punti cardini della squadra, a cui aggrapparsi nei momenti complicati. Siamo certi che i compagni cercheranno molto il campione portoghese.

Leao, insieme a Maignan e Theo Hernandez, è certamente il talento più puro della rosa. Non è un caso che con l’estremo difensore francese sia uno dei candidati al prossimo Pallone d’Oro. Non è un caso, inoltre, che l’attaccante sia stato eletto miglior giocatore dell’ultimo campionato.

Milan, rinnovo Leao: non mancano le incognite

Rafael Leao
Rafael Leao (©LaPresse)

Una crescita evidente che sta spingendo il Milan a far di tutto per blindare il suo gioiello. Anche stamani, su Tuttosport, si parla del futuro del portoghese. L’obiettivo del Diavolo è continuare l’avventura con Leao. Paolo Maldini l’ha detto chiaramente ma serve un accordo il prima possibile. Un accordo  – si legge – che non vada ad intaccare gli equilibri di spogliatoio.

Per il rinnovo di Leao bisogna chiaramente fare i conti con una richiesta importante da 7/7,5 milioni di euro netti a stagione ma anche con il caso Sporting, con il Milan disposto a contribuire al pagamento dei 19 milioni di euro che Leao e il Lille devono dare al club portoghese. Serve che Cardinale alzi l’asticella per blindare il suo gioiello più puro. Se si dovesse appurare l’impossibilità nel prolungare il contratto, la cessione di fronte un’importante offerta verrebbe chiaramente presa in considerazione.