“Rinnovo? Non è cambiato nulla”: dall’Inghilterra assist al Milan per il mediano

Il calciatore seguito anche nel recente passato dal Milan non ha ancora deciso nulla sul rinnovo: ora i rossoneri possono tentare.

Il Milan si rituffa sul campionato, visto che dopo 2 settimane di stop oggi torna a giocare contro l’Empoli. Ma non sfioriscono le voci sulle possibili operazioni future di calciomercato.

maldini gazidis
Paolo Maldini , Ivan Gazids (©LaPresse)

In particolare la dirigenza rossonera, che in questi anni si è dimostrata abilissima nel trovare soluzioni low-cost per rinforzarsi, sta valutando quei calciatori che potrebbero lasciare gli attuali club a cifre convenienti.

Uno degli obiettivi del recente passato, ma che potrebbero tornare in auge in futuro, si chiama Douglas Luiz. Centrocampista tuttofare brasiliano, in forza all’Aston Villa e sondato dal Milan la scorsa estate dopo il ‘flop’ dell’operazione Renato Sanches.

Gerrard conferma: per ora niente rinnovo per Douglas Luiz

Douglas Luiz è in scadenza a giugno 2023. La dirigenza dell’Aston Villa ha scelto di non cederlo la scorsa estate sperando di trovare con il classe ’98 un accordo per il rinnovo durante la stagione.

Ma tale opzione al momento è lontana e poco praticabile. Lo ha fatto intendere anche Steven Gerrard, il tecnico dei ‘Villans’, nella conferenza stampa di ieri: “Non ci sono novità sul rinnovo di Douglas Luiz, non è cambiato nulla. Io lo vedo concentrato e motivato, i proprietari hanno voluto trattenerlo per questa stagione. Per il resto non c’è nulla da segnalare”.

luiz
Douglas Luiz (©LaPresse)

Dunque la conferma che si è ancora molto lontani da un possibile accordo di prolungamento. Douglas Luiz, come riferito dai media britannici, intende giocare questa ultima stagione a Birmingham prima di trovare una nuova sistemazione a parametro zero, magari più prestigiosa.

Il Milan lo considera un possibile investimento di rilievo. L’ex Vasco da Gama potrebbe essere tentato dall’esperienza in Serie A, in particolare se il club rossonero confermasse quanto meno la partecipazione in Champions League anche per l’anno che verrà.