De Ketelaere, presto per le sentenze: c’è un dato che fa riflettere

Giudizi negativi su De Ketelaere dopo Chelsea-Milan, ma Pioli crede in lui: e c’è anche un dato molto interessante che riguarda il belga.

La prestazione di Charles De Ketelaere a Londra non è stata sicuramente positiva, ma è tutta la squadra ad aver deluso. Lui era tra i calciatori del Milan più attesi ed è normale che ci sia stata una particolare attenzione, però sarebbe un errore condannarlo per la sconfitta contro il Chelsea.

Charles De Ketelaere
Charles De Ketelaere (©LaPresse)

Il fantasista belga deve certamente dare di più, non ci sono dubbi. Al netto della partita di Champions League disputata a Stamford Bridge, deve cercare di essere più nel vivo nel gioco e maggiormente incisivo. Il potenziale tecnico c’è, non è in discussione, ma deve mettersi nella condizione di sfruttarlo meglio.

I compagni devono dargli una mano, però tanto dipende da lui. Serve anche un po’ più di grinta agonistica in campo. Finora si può dire che abbiamo visto solo sprazzi del talento del numero 90 rossonero. Comunque è giusto continuare a dargli fiducia, è giovane e abbiamo già visto altri casi di ragazzi che non avevano iniziato bene e che poi sono cresciuti esponenzialmente. Serve pazienza.

Milan, statistica importante per De Ketelaere

Sabato il Milan affronta la Juventus a San Siro e tutta la squadra vorrà riscattarsi. De Ketelaere ha l’occasione di dimostrare di poter essere decisivo in un big match. Ci si aspetta da parte sua una reazione alla brutta prova offerta contro il Chelsea, che martedì prossimo sarà nuovamente l’avversario dei rossoneri a Milano.

Charles De Ketelaere
Charles De Ketelaere (©LaPresse)

Tra l’altro, in Serie A il giocatore vanta anche una statistica interessante. Infatti, nessuno crea più occasioni di lui nell’arco dei 90 minuti. Stando ai dati di Eleven Sports, sono ben 3 quelle create da De Ketelaere. Il secondo nella speciale classifica è Piotr Zielinski del Napoli con 2,7, seguito da Gerard Deulofeu dell’Udinese a quota 2,6.

L’ex gioiello del Club Brugge finora si è rivelato un buon assistman, ma i compagni di squadra non sono stati altrettanto bravi a finalizzare (finora solo una volta è successo: Leao contro il Bologna). Lui può fare di più in fase offensiva, però anche gli altri devono impegnarsi maggiormente nel riuscire a sfruttare le chance da gol. Se lo avessero fatto, probabilmente oggi i giudizi su CDK sarebbero un po’ diversi.

A proposito di gol, a De Ketelaere sbloccarsi potrebbe fare molto bene. Trovare la via della rete lo può aiutare a prendere fiducia e ad esprimersi meglio in campo. Se ci riuscisse già sabato contro la Juventus, sarebbe un ottimo segnale.