Milan, non è più lo stesso: ora le assenze pesano di più

C’è poco da sorridere in casa Milan, dove finisce nel mirino della critica anche il reparto difensivo. La squadra di Pioli continua a subire troppi goal

E’ tempo di riflessioni in casa Milan dopo il pesante ko contro il Chelsea. Un risultato così non lo si vedeva da tempo dalle parti di via Aldo Rossi.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©LaPresse)

Bisognerà analizzare bene la prestazioni della squadra, di ogni singolo calciatore prima di pensare alla Juventus. L’unico a salvarsi è stato Rafael Leão, ancora una volta straripante e incontenibile.

Nemmeno i forti difensori del Chelsea sono riusciti a fermarlo ma non è bastato. La prova dei suoi compagni è stata deficitaria. Non si salva davvero nessuno. Strappa la sufficienza Pierre Kalulu, protagonista di un salvataggio miracoloso, al termine del primo tempo.

Ma il resto della difesa è sotto accusa. I gol subiti continuano ad essere tanti e anche ieri sono arrivati per errori individuali. Thiago Silva, in occasione della prima rete, è stato libero di saltare quasi indisturbato, come gli era successo per ben due volte in precedenza.

Marcature blande come quella di Fikayo Tomori, che in maniera troppo ingenua si perde Aubameyang per il 2 a 0 del Chelsea.

Milan, pesano tanto le assenze dei francesi

Maignan
Maignan (©LaPresse)

Le alternative, ieri sera, non si sono dimostrate per nulla all’altezza. Ballo-Toure non l’ha vista mai con James. Dest è apparso un pesce fuor d’acqua, non riuscendo ad incidere né in fase difensiva né in quella offensiva. Theo Hernandez si appresta a ritornare, magari già contro la Juventus, e darà certamente una mano importante. Per Calabria, invece, ci vorrà del tempo. Rientrerà nel 2023 e Pioli non ha alternative. L’unico terzino di ruolo è l’americano e l’impiego di Kalulu, a destra, rappresenta un rischio vista l’assenza anche di Simon Kjaer.

I guai in difesa trovano la ciliegina sulla torta con l’assenza di Mike Maignan. Tatarusanu ieri ha fatto un paio di belle parate ma gli errori non mancano. Pioli dovrà inventarsi ancora una volta qualcosa per riuscire a blindare una difesa, che continua a prendere troppi gol. Difficile restare in alto con un reparto arretrato così.