Milan, non solo Leao: una firma obbligatoria

Il Milan continua a lavorare per riuscire a tenere in rosa tutti i suoi migliori giocatori: Leao non è l’unico che va blindato assolutamente

Non solo Rafael Leao. In casa Milan mancano altri  rinnovi. In queste settimane si è parlato tanto della situazione legata al portoghese. Il contratto dell’ex Lille scadrà il 30 giugno 2024.

Leao
Leao (©LaPresse)

La situazione non si è ancora sblocca ma c’è la volontà di entrambe le parti, come affermato da Paolo Maldini, di arrivare a dama. Gerry Cardinale sarà chiamato a fare un sacrificio importante ma Leao, campione riconosciuto da tutti, anche dagli stessi compagni merita un sacrificio. Perderlo non sarebbe un segnale per nulla buono.

Ma come detto, non solo Leao ha una situazione contrattuale che merita un intervento. In scadenza il 30 giugno 2024 c’è anche l’accordo con Ismael Bennacer. In questo inizio di stagione ha confermato quanto l’algerino possa essere decisivo per il gioco di Stefano Pioli.

Milan, a lavoro per blindare Bennacer

Bennacer
Bennacer (©LaPresse)

L’ex Empoli è uno dei titolarissimi del tecnico campione d’Italia. Alla prima conferenza stagionale ne ha parlato benissimo. Maldini e Massara devono riuscire a trovare un accordo con lui.

Alzare l’asticella anche con l’algerino, però, potrebbe non essere così semplice. Difficile immaginare che Bennacer possa guadagnare di più di Fikayo Tomori o Theo Hernandez, che firmando i loro rinnovi non hanno superato i 4/4,5 milioni di euro netti a stagione. Andare oltre sarebbe complicato per le varie dinamiche che si potrebbero innescare. Tutti i tifosi del Milan, così come Pioli, si augurano che presto arrivi la fumata bianca.

Chiaramente ci sarà da blindare anche Pierre Kalulu. Il contratto del francese scade nel 2025. L’affare dovrebbe andare in porto a circa 2 milioni di euro netti a stagione.