Highlights Verona-Milan, gol e sintesi della partita di Serie A

Verona-Milan in campo nella 10.a giornata di Serie A al Bentegodi. Cronaca, curiosità e highlights del match in programma domenica 16 ottobre alle 20.45

C’è una grande novità nell’undici iniziale del Milan schierato da Pioli al Bentegodi con l’esordio dal primo minuto di Adli al centro del tridente con Leao e Diaz a supporto di Giroud.


Buon inizio del Verona subito però smorzato dal Milan con la solita sgroppata di Leao che si incunea sulla sinistra, crossa in area e provoca l’autorete di Veloso al 9′.  I rossoneri hanno subito l’opportunità per raddoppiare ma Giroud si divora il gol dello 0-2 con un tocco sotto che lambisce il palo.

Scampato il pericolo, il Verona riprende ritmo e crea non pochi grattacapi al Milan in pressing. Al 19′, gli scaligeri pareggiano. Sul tiro non irresistibile di Gunter, Gabbia interviene con poca decisione e finisce con il deviare la palla alle spalle dell’incolpevole Tatarusanu. Dopo il pareggio dei padroni di casa, il Milan è poco incisivo, non riesce a ripartire con efficacia e Montipò non corre pericoli.

I rossoneri, invece, continuano a subire la maggiore verve del Verona che, nel finale, sfiora il vantaggio con la deviazione di testa di Gunter che attraversa tutto lo specchio della porta. E’ l’ultima azione saliente di un primo tempo che si conclude sull’1-1 dopo due minuti di recupero.

Verona-Milan, il secondo tempo

A inizio ripresa, Pioli manda in campo Origi e Rebic al posto di Giroud e Diaz, poco brillanti nei primi 45′. Il croato, servito da Hernandez si procura subito un’occasione per il vantaggio ma Montipò respinge la conclusione ravvicinata dell’attaccante. Il Verona non ha certo smarrito l’intensità della prima frazione e sfiora nuovamente il raddoppio con il colpo di testa di Piccoli che si infrange sulla traversa.

Segue una fase di equilibrio poi il Milan, rinforzato anche dall’ingresso di Bennacer, torna a rendersi pericoloso. Merito ancora di Rebic che impegna Montipò con un colpo di testa, respinto d’istinto dal portiere scaligero. Quando ormai la partita sembrava definitivamente stregata per i rossoneri, all’81’ l’improvviso e insperato vantaggio. Grande azione avviata da Leao e rifinita da Rebic che trova l’inserimento di Tonali, abile a trafiggere Montipò per l’1-2 che esalta la gradinata occupata dai tifosi rossoneri.

Nel finale, Pioli si protegge con Thiaw al posto di Leao. Il centrale tedesco, all’esordio assoluto, è protagonista assoluto con due salvataggi provvidenziali nell’arrembaggio finale del Verona. Il Milan resiste e porta a casa tre punti vitali che valgono il terzo posto in solitaria in classifica a 3 punti dal Napoli capolista.

 

Verona-Milan, la presentazione

Al Bentegodi, il Milan ha perso, di fatto, due campionati, facendo nascere la leggenda della Fatal Verona. Sempre al cospetto degli scaligeri, però, i rossoneri hanno ottenuto risultati importanti che hanno poi contribuito a traguardi importanti.

Qui il Milan di Sacchi, con il tecnico già messo in discussione dopo poche partite, ha vinto una partita decisiva, con gol di Virdis, all’inizio del campionato 87-88 che ha sbloccato definitivamente una squadra poi vincitrice di tutto quello che c’era da vincere. Nel 2002, alla penultima giornata, un gol di Pirlo in extremis ha regalato al Milan la qualificazione alla Champions League vinta poi l’anno seguente con la Juve in finale. Lo scorso maggio, infine, l’1-3 siglato dalla doppietta di Tonali e dal gol di Florenzi ha lanciato il Milan verso la conquista dello Scudetto.

Quella odierna non sarà una sfida decisiva ma lo stesso importantissima per le due squadre che si trovano nei due poli opposti della classifica con il Milan a ridosso della vetta e il Verona in zona retrocessione.

Verona-Milan, le probabili formazioni

Pioli
Pioli (©LaPresse)

Ci sarà un ex rossonero sulla panchina del Verona. Salvatore Bocchetti, difensore del Milan per metà stagione nell’annata con Inzaghi allenatore, è subentrato in settimana all’esonerato Chioffi. Assenza importanti tra gli scaligeri privi di Lazovic, Ilic, Lasagna e dello squalificato Ceccherini. Torna Faraoni. In attacco Verdi a supporto di Henry.

Pioli dovrebbe affidarsi allo stesso undici iniziale schierato contro il Chelsea in Champions League con Tatarusanu in porta, difesa con Kalulu e Hernandez sulla fasce e Tomori-Gabbia al centro. A centrocampo Bennacer e Tonali. In avanti, Diaz ancora sulla destra in attacco con Krunic e Leao a supporto di Giroud.

Ancora assenti Saelemaekers, Calabria, Florenzi, Maignan, Kjaer e De Ketelaere. Quest’ultimi tre dovrebbe rientrare sabato prossimo con il Monza. Pioli non dovrebbe fare turnover con Origi e Rebic potenziali candidati a sostituire Giroud. Vedremo se saranno concessi minuti a Thiaw, Vranckx e Adli, invocati dai tifosi sui social.