Ronaldo infiamma il mercato: “Tradito dal Manchester United, Rangnick non è un vero allenatore”

Cristiano Ronaldo si sfoga sui tabloid inglesi dopo l’esperienza bis al Manchester United: parole dure un po’ per tutti da parte di CR7.

Cristiano Ronaldo is on fire. Ma stavolta non sul campo da gioco, dove ha dominato per tantissimi anni con la sua classe. Bensì nelle parole rilasciate le scorse ore.

ronaldo
Cristiano Ronaldo (©LaPresse)

L’attaccante portoghese, che sta per partecipare all’ultimo Mondiale della sua carriera, sta vivendo un momento non particolarmente felice con il Manchester United.

La sua esperienza bis con i red Devils si è dimostrata più difficoltosa e spigolosa del previsto. Prestazioni altalenanti, tante panchine e rapporti non idilliaci con i suoi allenatori. Un vero incubo, raccontato da CR7 in persona al The Sun.

Cristiano Ronaldo si sfoga: frecciate a Rangnick e Ten Hag

Il rapporto tra Ronaldo e l’attuale manager Erik Ten Hag non va affatto a gonfie vele, anzi. Il calciatore si è scagliato così contro il tecnico olandese: Mi sento tradito dal Manchester United, non rispetto Ten Hag perchè lui è il primo a non mostrare rispetto verso di me. Mi sono sentito tradito, ho percepito che alcune persone non mi volevano, non solo quest’anno ma anche l’anno scorso. Se non mi rispetti, non ti rispetterò mai“.

Frecciate anche a Ralf Rangnick, il manager accostato al Milan che ha guidato lo United lo scorso anno: “Dopo Sir Alex Ferguson non c’è stata alcuna crescita nel club: i progressi sono stati pari allo zero. Mi ha sorpreso molto. Un aspetto importante è stato come lo United ha esonerato Solskjaer, per prendere un direttore sportivo come Ralf Rangnick. Ed è una cosa che nessuno ha capito: non è mai stato un allenatore, e la cosa ha sorpreso non solo me, ma tutto il mondo“.

Ralf Rangnick
Ralf Rangnick (©LaPresse)

Parole che segnalano una frattura insanabile tra Cristiano Ronaldo e il Manchester United. Possibile che dopo il Mondiale in Qatar il campione portoghese possa cercarsi una nuova squadra. Non sarà certo semplice gestire la sua personalità, ma CR7 ha spesso dimostrato di fare ancora la differenza.