Milan, rinnovo dopo il Mondiale: “Spero di restare altri 10 anni”

Dopo mesi di indiscrezioni che hanno riguardato anche il Milan, adesso un esterno prende posizione ufficialmente sul suo futuro: il suo addio è più incerto.

Uno dei giocatori spesso accostati al Milan in questi mesi è Marco Asensio, che soprattutto in Spagna hanno indicato come obiettivo di Paolo Maldini e Frederic Massara. Considerata la sua situazione contrattuale con il Real Madrid, qualche sondaggio esplorativo è stato sicuramente effettuato. Ma nulla di più.

In estate i blancos chiedevano almeno 40 milioni di euro per vendere il suo cartellino. Inoltre, c’è da considerare lo stipendio da circa 5 milioni netti annui che percepisce. Per il club rossonero un’operazione difficile da fare anche in ottica estate 2023, quando il contratto scadrà. L’agente Jorge Mendes chiede una lauta commissione per il trasferimento a parametro zero del suo assistito.

Calciomercato Milan, futuro Asensio: il giocatore si espone

Marco Asensio
Marco Asensio, esterno destro offensivo del Real Madrid (©LaPresse)

Ma nel futuro dell’esterno maiorchino ci potrebbe essere un colpo di scena. Infatti, nelle ultime settimane sta prendendo sempre più quota la possibilità di un rinnovo. Se all’inizio Carlo Ancelotti lo escludeva o comunque gli concedeva minutaggio risicato, col passare del tempo gli ha dato maggiore spazio e l’atteggiamento del calciatore è piaciuto sia all’allenatore sia alla dirigenza.

Asensio, impegnato in Qatar con la Spagna per il Mondiale, ha parlato a Radio Marca del suo futuro ed è stato abbastanza chiaro: “Si dice che io stia facendo cambiare idea al Real Madrid, ma io ho sempre cercato di dare il massimo. Chi decide è anche il club, non dipende solo da me. Dopo la Coppa del Mondo, prenderemo entrambi una decisione. Se voglio rinnovare? Spero che possa succedere e di essere molto felice al Real Madrid per tanti altri anni. Spero che tutto si possa risolvere”.

La volontà del calciatore è evidente. Prolungare il contratto con la società madrilena è la sua priorità. Dopo il Mondiale parlerà con la dirigenza per trovare un accordo economico.