Milan, futuro Leao: tra rinnovo e alternative di lusso

Il Milan è chiamato a rinnovare il contratto al portoghese. Se la trattativa dovesse naufragare definitivamente servirà sostituire Leao con un grande acquisto

 

Il futuro di Rafael Leao continua a far parlare. L’attaccante portoghese ha un contratto in scadenza il 30 giugno 2024. Contratto che Paolo Maldini si augurava di riuscire a prolungare prima dell’inizio del Mondiale. Così, però, non è stato: ora l’ex Lille è in vetrina in Qatar e il rischio di attrarre l’interesse di nuove squadre è davvero concreto.

Come più volte raccontato, il rinnovo rimane una matassa difficile da sbrogliare ma non impossibile. Il Milan non ha alcuna intenzione di rinunciare al suo campione a gennaio ma in estate qualora non dovesse essere arrivata la firma, una cessione sarebbe davvero molto probabile.

Il Milan rinuncerebbe al suo calciatore per una cifra superiore ai 100 milioni. Difficile che il Diavolo si accontenti di meno. Buona parte della somma incassata, chiaramente, verrebbe reinvestita sul mercato per acquistare un sostituto.

Calciomercato Milan, dopo Leao: tre nomi sul taccuino

Rafael Leao
Rafael Leao (©LaPresse)

Okafor appare la pista più percorribile. Lo svizzero può lasciare il Salisburgo per 35 milioni di euro ma sono altri i calciatori che scaldano i tifosi. Una pista complicata ma non impossibile è quella che porterebbe a Joao Felix che ha voglia di lasciare l’Atletico Madrid. Servirebbe la regia di Jorge Mendes per far incastrare perfettamente tutte le caselle ma la concorrenza è di quelle importanti.

Come, d’altronde, per Cody Gakpo. L’Olanda non sta brillando ma l’attaccante del Psv Eindhoven continua a segnare. Lo ha fatto in entrambe le partite del Mondiale. 50 milioni di euro potrebbero non bastare più. Piace in Inghilterra, ad Arsenal e Manchester United.  Sembra ormai fuori dalla portata del Diavolo, Mykhaylo Mudryk, per il quale servono ancora più soldi. E’ evidente dunque che le alternative di livello a Leao ci sono pure ma sono care e non è detto che la spesa da affrontare sarebbe minore di quella che servirebbe per il rinnovo del portoghese.