L’ex Milan nella bufera: “E’ una spia”. Carriera a rischio?

Terremoto vero e proprio per l’ex calciatore del Milan, che oggi milita in una formazione rivale dopo aver lasciato in modo non proprio quieto i rossoneri. Vediamo cosa accadrà a breve.

Non sempre i calciatori che crescono e militano nel Milan hanno una carriera scintillante con la prima squadra rossonera. Per motivi ambientali, caratteriali e di scelte tecniche sono spesso costretti a cambiare aria per movimentare la propria carriera.

ex milan spia
Un ex rossonero tacciato di aver fatto la spia (Milanlive.it)

E’ successo a Gianluigi Donnarumma ad esempio, che ha deciso di lasciare Milanello nonostante fosse apprezzato ed osannato come uno dei portieri più forti in circolazione. Ma per motivazioni economiche Gigio nel 2021 ha scelto di lasciare il Milan a fine contratto e accasarsi nel ricco PSG.

Addio doloroso ma per motivi completamente diversi ha riguardato pure Mattia De Sciglio. Il terzino è nato e cresciuto in rossonero, esploso come un difensore di tutto rispetto. Ma al seguito di critiche feroci subite da parte della tifoseria e motivazioni ormai carenti, il numero 2 ha accettato la proposta della Juventus nell’ormai lontano 2017.

De Sciglio e le intercettazioni ‘scandalo’: tacciato di essere una spia a Vinovo

Un calciatore a volte contestato, per le prestazioni fin troppo discontinue. Ma a volte anche elogiato perché si è sempre impegnato al massimo, anche nella sua esperienza juventina, tanto da essere ben voluto da Massimiliano Allegri.

De Sciglio però nelle ultime ore è finito nella bufera. Anche lui in qualche modo è stato coinvolto nello scandalo delle plusvalenze false e dei bilanci truccati in casa Juve. In particolare l’ex Milan è stato chiamato a testimoniare e collaborare con la Procura di Torino riguardo il caos legato agli stipendi dei calciatori bianconeri durante la pandemia da Covid-19.

de sciglio spia
De Sciglio finito nell’occhio del ciclone (MilanLive.it)

Secondo le ricostruzioni del Corriere dello Sport, De Sciglio, assieme all’ex compagno di squadra Matthijs De Ligt, sarebbe colpevole di aver consegnato ai PM gli screenshot delle chat di Whatsapp relative allo scandalo degli stipendi.

Una testimonianza chiave che rischia di diventare una prova basilare nell’inchiesta ai danni della Juventus e dei suoi dirigenti. Il gesto da cittadino onesto di De Sciglio però non è stato ben apprezzato dai tifosi: “Spia, traditore, infame e sbirro” sono alcuni degli epiteti che sui social sono stati rivolti all’ex rossonero per il suo gesto con gli inquirenti.

De Sciglio via dalla Juventus? Allegri lo difende

De Sciglio è dunque al centro dello scandalo. Il paradosso è che ha agito nel rispetto delle leggi, fornendo testimonianze reali al PM, ma allo stesso tempo passa come traditore e spia all’interno dello spogliatoio juventino.

Ora la sua carriera alla Juventus è a forte rischio, soprattutto per questioni ambientali. Ma pare che mister Allegri ed il resto dei compagni abbiano fatto cerchio attorno a De Sciglio, difendendolo e non permettendo che venga messo alla berlina nelle prossime settimane.