Pioli is on fire, il tormentone non è finito: arriva la conferma ufficiale

L’allenatore del Milan è protagonista di un ritornello che ormai è diventato famosissimo in Italia: Google svela un dato su “Pioli is on Fire”.

Dietro il ritorno alla vittoria dello Scudetto da parte del Milan c’è un grande lavoro da parte di Stefano Pioli. Arrivato nell’ottobre 2019 dopo l’esonero di Marco Giampaolo, con il tempo ha costruito un gruppo capace prima di tornare in Champions League e poi di conquistare anche il tricolore.

Pioli is on fire Google
“Pioli is on fire” vola anche su Google – MilanLive.it

Quando fu ingaggiato, molti pensavano che sarebbe stato una sorta di “traghettatore” fino al termine della stagione. Tutti sanno che la prima scelta era Luciano Spalletti e c’erano stati contatti anche con allenatori stranieri. Non a caso, Ivan Gazidis aveva parlato con Ralf Rangnick per una eventuale futura rivoluzione.

Il tecnico emiliano, però, ha saputo meritarsi la conferma sulla panchina rossonera e ha anche firmato un rinnovo che lo lega al club fino a giugno 2025. La nuova proprietà RedBird Capital Partners, in accordo con Paolo Maldini e Frederic Massara ovviamente, ha spinto per un prolungamento biennale. Non ha voluto limitarsi a esercitare l’opzione per un rinnovo fino al 2024. Un segnale di fiducia molto importante.

“Pioli is on fire” vola nelle ricerche Google in Italia

Pioli è amato dalla dirigenza e dai suoi giocatori, ma anche dai tifosi. Prima dell’inizio delle partite a San Siro i milanisti si scatenano allo stadio cantando il ritornello “Pioli is on fire” sulle note della famosa canzone Freed from desire della cantautrice e produttrice italiana Gala.

Pioli is on fire Google
“Pioli is on fire” vola anche su Google – MilanLive.it

Ma “Pioli is on fire” è stato cantato anche nelle discoteche e in altre situazioni nelle quali è stato messo il noto brano musicale. Molti ricorderanno i video che sono circolati su alcuni dj set di Bob Sinclar, inizialmente divertito dalla cosa e poi persino scocciato. Si tratta di un vero tormentone e anche tifosi di altre squadre lo hanno cantato.

E sono stati tantissimi anche coloro che hanno digitato “Pioli is on fire” su Google, il più famoso motore di ricerca sul web. Come ogni anno, Google ha pubblicato i trends sulle ricerche effettuate in Italia. Per quanto riguarda la sezione domande, è emerso che la seconda domanda più diffusa è stata Perché Pioli is on fire?.

Google Trends in Italia nel 2022: la classifica

Come riportato da Sky Sport, la domanda sul ritornello riguardante l’allenatore del Milan viene dopo “Perché la Russia vuole invadere l’Ucraina?“. Completa il podio con il terzo posto il quesito “Perché aumenta la benzina?“. Seguono “Perché Draghi si è dimesso?” e “Perché il diesel costa più della benzina?“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sky Sport (Italia) (@skysport)

Un successo completo quello del mister rossonero, che in questo 2022 ha raccolto grandi soddisfazioni. Ma non si accontenta, spera che anche il futuro gli riservi grandi gioie a livello sportivo. E se il coro a lui dedicato dovesse continuare a riscontrare consensi, ben venga. Certamente i tifosi milanisti continueranno a cantarlo nei prossimi mesi.