Calciomercato Milan, l’agente sbotta: “Situazione triste”

Parole dure da parte dell’agente del centrocampista che non è più nei piani strategici del Milan e di mister Pioli. Eppure un anno fa i rossoneri lo vollero con forza per arricchire la rosa.

Il Milan è certamente una delle squadre che, negli ultimi 2-3 anni, è cresciuta maggiormente a livello di qualità tecnica, di idee di calcio e di risultati ottenuti.

agente sbotta
L’agente del milanista si è lamentato – Milanlive.it

Il tutto è frutto di un lavoro certosino di Stefano Pioli, che non solo ha donato un’identità calcistica al Milan, ma ha soprattutto creato un gruppo di calciatori uniti e assolutamente convinti dal progetto tecnico.

L’entusiasmo e l’unione è uno dei fattori che costruiscono dalle radici una squadra vincente. Ma purtroppo non tutti gli elementi del Milan attuale sembrano essere contenti del proprio ruolo, come rivelato oggi da un procuratore molto vicino ad un elemento ormai considerato in esubero.

Milan, scoppia il caso Bakayoko: durissimo attacco dell’agente

Il calciatore forse al momento maggiormente fuori dai piani di mister Pioli e della società è Tiemoué Bakayoko. I numeri parlano per il francese: zero presenze ufficiali nella stagione 2022-2023, il che significa che il Milan non lo considera più utile alla causa.

Già in estate i rossoneri hanno provato in diversi modi a liberarsi del suo ingombrante prestito biennale, cercando un nuovo approdo per Bakayoko. Ma alla fine il classe ’94 è rimasto in rosa senza però avere modo di dimostrare il suo valore e l’eventuale utilità.

Bakayoko addio
L’agente di Bakayoko fa chiarezza – Milanlive.it

L’agente Marco Busiello, direttore esecutivo della First1, ha sbottato contro il Milan nell’intervista concessa a Tuttomercatoweb.com. Parole dure e secche quelle del procuratore: Quella di Bakayoko è una situazione che mi crea tristezza perché un anno e mezzo fa questo trasferimento fu fortemente voluto. Lui negli ultimi anni ha sempre girato in prestito, ogni anno doveva cambiare, ambientarsi in una nuova realtà, portare la famiglia in una nuova città. Tornare a Milano con un prestito biennale con un diritto di acquisto che diventava obbligo a determinate condizioni lo faceva felice. Sembrava essere arrivati alla fine di questa situazione. Però vuoi per l’esplosione di alcuni giocatori, vuoi per l’infortunio appena entrato in campo lo scorso anno, vuoi per situazioni che si sono un po’ avvitate su sé stesse la seconda avventura al Milan non ha funzionato. L’attuale status quo non fa bene a nessuno, dispiace molto”.

Cosa accadrà ora a Bakayoko? Busiello prova ad ipotizzare: “Vedremo, valuteremo col Milan con calma quali sono le opportunità. Lui ha un altro anno di contratto col Chelsea dopo quello attuale. Ci guarderemo attorno insieme”.

Bakayoko, la seconda esperienza al Milan è un flop

Come ricordato dall’agente, per Bakayoko questa si tratta della seconda esperienza in carriera nel Milan. La prima volta era stata sempre in prestito nella stagione 2018-2019. Sotto la guida di Rino Gattuso il francese aveva avuto spazio e entusiasmo: 42 presenze ufficiali tra campionato e coppe, la maggior parte di queste dal 1′ minuto.

Dall’estate 2021, quando Maldini decise di riprenderlo in prestito biennale dal Chelsea, Bakayoko ha sofferto per numerosi problemi muscolari. Solo 18 presenze nell’annata del 19° Scudetto milanista e solamente due volte è rimasto in campo per tutti i 90 minuti.