Calciomercato Milan, doppio bivio: conferma o addio in prestito

A fine gennaio il Milan è chiamato a valutazioni importanti. Si decide il futuro prossimo di due giocatori che hanno delle particolari esigenze!

Gennaio è sempre più vicino e con esso il mercato invernale. Il Milan, si dice, non ha in programma particolari mosse in entrata. Pare che non ci sia l’intenzione di fare nuovi acquisti, e di basare la propria forza sulla numerosa rosa di Stefano Pioli. Certo, sono forse previste delle eccezioni, come l’arrivo anticipato di Sportiello per sopperire alla deludente assenza di Mike Maignan.

Futuro Adli e Lazetic
Calciomercato Milan, doppio bivio: conferma o addio in prestito – MilanLive.it

Come appreso negli ultimi giorni, il portierone francese non sta recuperando dall’infortunio al polpaccio come ci si aspettava. Un vero campanello d’allarme in casa Milan! La squadra per ambire agli importanti obiettivi stagionali ha necessità di maggiore affidabilità in porta, e senza Magic Mike sarà davvero complicato. Per questo, come accennato, l’acquisto di un nuovo portiere potrebbe essere anticipato a gennaio. Ma è ancora tutto da valutare e stabilire.

Poi, se è vero che non è previsto mercato in entrata, la situazione potrebbe essere differente per le mosse in uscita. Paolo Maldini e Frederic Massara stanno facendo delle attente valutazioni su due rossoneri in particolare. Bisogna pensare in prospettiva e fare il bene dei propri giocatori. In tal senso è interessante l’approfondimento de La Gazzetta dello Sport sulla situazione dell’attaccante del centrocampista.

Milan, due grosse incognite: andare o restare?

Continua a destare parecchi dubbi il poco spazio riservato ad Yacine Adli nella prima parte di stagione. E’ vero che il francese ha condotto un pre-campionato da urlo, dando merito a quell’appellativo che dalla Francia è rimbalzato in Italia. Il ‘pittore‘ ha fatto vedere tutte le sue doti nelle amichevoli estive pre-stagionali, salvo poi scomparire dai riflettori una volta cominciato il campionato. Stefano Pioli è stato anche criticato per questo, quando né Brahim DiazCharles De Ketelaere sono riusciti a convincere.

Futuro Adli e Lazetic
Calciomercato Milan, doppio bivio: conferma o addio in prestito – MilanLive.it

E allora perchè non buttare Yacine nella mischia? In realtà, il tecnico emiliano lo ha anche fatto. In quel Verona-Milan di metà ottobre Adli è partito titolare, conducendo però una gara anonima e priva di squilli. Come sottolinea la Gazzetta, Pioli ha fatto intendere a più riprese come il francese non fosse ancora pronto per gare ufficiali. Tanti gli aspetti ancora mancanti: dalla velocità d’esecuzione, all’intensità, alla conoscenza dei meccanismi di gioco della squadra.

Eppure, Yacine è tornato a fare faville nelle amichevoli invernali della sosta per i Mondiali. Lumezzane, Arsenal e Liverpool, Adli ha sempre dimostrato di saper spostare gli equilibri di gioco, e di saperlo fare con grande finezza e talento. E’ riuscito dunque a sorprendere Pioli e la dirigenza, ma la domanda rimane sempre la stessa? Preceduto nelle gerarchie da Diaz e De Ketelaere, cosa farà a gennaio Yacine Adli? Sarà meglio concedersi un’esperienza di sei mesi in prestito dove trovare continuità e presenza, o rimanere e sfruttare tutte le occasioni, anche le più piccole, per convincere Stefano Pioli?

Nella stessa situazione è l’attaccante.

Milan, a fine gennaio si tireranno le somme

Anche Marko Lazetic, come Adli, è ad un bivio. In questa stagione ha cominciato a far vedere i primi lampi d’attaccante vero. Gol pesanti come macigni con la Primavera di Ignazio Abate, gol a raffica con la sua Nazionale Under 19. Nella sosta dei Mondiali ha avuto finalmente modo di mettersi in mostra tra i grandi. Nelle tre amichevoli ha fatto una buona impressione, e tra l’altro ha giocato quella contro il Liverpool da titolare dell’attacco. Stupefacente il suo cucchiaio nei rigori all’Arsenal! Personalità, fame e grinta, ma ancora 18 anni Marko.

Futuro Adli e Lazetic
Calciomercato Milan, doppio bivio: conferma o addio in prestito – MilanLive.it

Anche lui dovrà presto decidere se partire a gennaio in cerca di uno spazio di rilievo o rimanere e giocarsi il tutto per tutto, considerando anche che l’attacco del Milan non è molto in salute. Tra Ibrahimovic infortunato e ormai agli sgoccioli, Origi in un calvario senza fine, e Giroud che non potrà essere spremuto, potrebbe valerne la pena restare e giocarsi ogni chance. Di certo, se Lazetic o Adli dovessero prendere la decisione di partire, il Milan non potrebbe opporsi.

Ma la Gazzetta esclude comunque una partenza simultanea, nonostante i ruoli siano diversi. O l’uno o l’altro potrà concedersi un’esperienza in prestito a gennaio. Forse Lazetic, che così giovane ha bisogno di maggiore spensieratezza per crescere e fare il suo exploit. Ma è presto per fare supposizioni, tutto si deciderà a fine mercato invernale. Gli ultimi giorni di gennaio saranno decisivi in tal senso!