Arrigo Sacchi dà 7 al Milan: “Ma per vincere serve altro”

Arriva il giudizio di un tecnico molto importante della storia del Milan e del calcio italiano. Secondo lui la squadra di Pioli si è comportata bene, ma deve crescere e ricompattarsi molto di più.

Il Milan ha chiuso il 2022 con uno Scudetto in tasca, un ritorno alla vittoria che ha esaltato una piazza bisognosa di nuove soddisfazioni. Il 19° titolo nazionale è giunto ben undici anni dopo l’ultimo trionfo.

sacchi voto milan
Sacchi dà i voti alla Serie A – Milanlive.it

Ma l’attenzione ora è rivolta alla stagione attualmente in corso. Prima della sosta per i Mondiali in Qatar, il Milan ha interrotto il proprio campionato al secondo posto, alle spalle di un Napoli finora imprendibile. Ma anche con la qualificazione eccellente agli ottavi di Champions League.

Un buon andamento finora, anche se non sono mancati alcuni passi falsi letali. Come i pareggi scialbi con Sassuolo e Cremonese o la sconfitta interna proprio contro il Napoli capolista.

Sacchi non esalta il Milan 2022-2023: “Deve tornare squadra”

In vista della fine dell’anno solare, la Gazzetta dello Sport ha interpellato un grande ex milanista. Ovvero Arrigo Sacchi, allenatore che negli anni ’80 sotto l’egida di Silvio Berlusconi fece diventare il Milan la più grande squadra al mondo.

Sacchi ha dato i voti alle squadre di Serie A dopo la prima parte di stagione. In attesa della ripresa fissata per il 4 gennaio, al Milan è stato assegnato un buon giudizio, ma non così esaltante.

Milan-Juve
Voto 7 al Milan – Milanlive.it

Al Milan do un 7 in pagella finora. Non ha ottenuto buoni risultati nelle amichevoli, ma il gruppo sa che cosa fare per lanciare l’inseguimento. Giroud e Theo Hernandez sono vicecampioni del mondo, trasmetteranno positività ed esperienza. La cosa fondamentale è che il gruppo di Stefano Pioli torni a essere squadra: il Milan dev’essere compatto per poter gestire il possesso-palla, per fare bene l’azione di pressing, per favorire la collaborazione e la sinergia tra i reparti e, infine, per arrivare all’interiorizzazione del gioco che dev’essere il vero obiettivo. Manca il centravanti? Non è un problema grave, si risolve: l’importante è che non manchi la squadra. De Ketelaere lo aspetto con fiducia: adesso deve entrare nel gioco, nei meccanismi”.

Parole realistiche e specifiche di Sacchi, che sa quali sono le reali potenzialità del Milan e dunque chiede molto di più alla formazione di Pioli, che solo 6 mesi fa si laureava campione d’Italia con merito assoluto.

Le altre pagelle di Sacchi alla Serie A

Voti giusti e non esageratamente alti quelli che Arrigo Sacchi ha voluto dare alle formazioni di Serie A, visto che il giudizio è ovviamente parziale. Per esempio al Napoli spaziale di Spalletti ha assegnato un 8 in pagella, voto alto ma non totalizzante.

Positivi i giudizi per una Juventus in ripresa ed una Lazio che spesso è sottovalutata: 6,5 in pagella per entrambe le squadre. Solo uno striminzito 6 per l’Inter, da cui si aspettava molto di più in campionato. 6 meno invece per la Roma di Mourinho incapace di stare al passo con le altre big.