Milan, Maldini cambia idea: può arrivare subito, i tifosi ci credono

Pare che Paolo Maldini abbia cambiato idea sulle strategie del mercato rossonero nella sessione di gennaio, tuttora in corso. Il calciatore potrebbe anche sbarcare immediatamente a Milanello.

Le strategie del Milan in vista del mercato di gennaio attualmente in corso sono ben chiare. Il club rossonero di base non ha intenzione di spendere o investire cifre enormi per modificare troppo la rosa.

maldini cambia idea
Maldini cambia idea sul mercato – Milanlive.it

Un po’ come accaduto un anno fa, nel gennaio 2022, la società di via Aldo Rossi ha un input ben preciso. Si valuteranno occasioni di mercato a basso costo o con formule convenienti, senza però esasperare troppo voci e movimenti.

L’ingaggio di Devis Vasquez si legge in questa ottica. Un giovane prospetto, preso per una cifra vicina ai 400 mila euro, che può diventare utile in prospettiva o anche generare una buona plusvalenza futura. Insomma, solo occasioni low-cost utili alla causa.

Un attaccante a gennaio: il Milan cerca l’occasione

Ma secondo quanto scritto oggi da Tuttosport, pare che Paolo Maldini abbia cambiato idea riguardo in particolare un reparto. Ovvero quello d’attacco, dove non mancano le incognite legate a due fattori: gli infortuni ripetuti e l’età media del reparto stesso.

L’idea iniziale della dirigenza del Milan era quella di rimandare ogni innesto o decisione sull’attacco a disposizione di Pioli al termine di questa stagione. Ovvero puntare un giovane centravanti di qualità e di prospettiva su cui investire, ma soltanto da giugno in avanti e senza toccare nulla a campionato in corso.

Attacco Milan
Cambia la strategia per l’attacco – Milanlive.it

Pare però che gli ultimi forfait e la mancanza di alternative abbiano fatto cambiare idea a Maldini e Massara. Ora l’intenzione è quella di valutare un colpo low-cost, possibilmente a titolo temporaneo, per arricchire il parco attaccanti del Milan.

Dunque caccia ad un centravanti prendibile in prestito (magari con diritto di riscatto) da affiancare a Olivier Giroud. Non a caso nelle prime partite dell’anno solare 2023 il Milan si è ritrovato con il solo 36enne francese come punta di riferimento, visti gli infortuni di Ibrahimovic, Origi e Rebic.

Non vengono ancora fatti nomi concreti, ma gli osservatori Milan stanno già scandagliando il mercato italiano ed internazionale. Ovvio che i rossoneri non si accontenteranno di un innesto qualsiasi, bensì servirà un numero 9 con determinate caratteristiche e da inserire subito nelle rotazioni.

La situazione degli attaccanti Milan infortunati

Come detto ad oggi, escluso il giovanissimo Lazetic che ancora non è considerato prontissimo per la prima squadra, mister Pioli in attacco può contare soltanto su Olivier Giroud. Il vice-campione del mondo però ha 36 anni e non può giocare tutte le gare per 90 minuti.

Divock Origi, finora una delusione per il Milan visti i ripetuti stop muscolari, dovrebbe rientrare contro il Lecce, ma non sembra dare grosse garanzie fisiche. Ante Rebic anche rientrerà entro fine gennaio, ma si tratta di un altro elemento spesso alle prese con infortuni.

Infine Zlatan Ibrahimovic. 41 anni compiuti, un lungo e lento recupero dall’intervento al ginocchio, la speranza di rivederlo in Champions League a febbraio. Ma, nonostante la stima assoluta per Re Ibra, il Milan non può certo farvi affidamento al 100%.