Gazzetta – Milan-Torino, la rivoluzione di Pioli: nuovo modulo e attacco inedito

Stasera contro il Torino in Coppa Italia ci sarà bisogno di forze fresche. Pioli è obbligato al turn over e sta sperimentando un 11 inedito!

Il Milan deve rialzarsi, dimostrare che quello di San Siro contro la Roma è stato uno scivolone dettato da un calo di attenzione che mai dovrà ripresentarsi. Lo potrà fare stasera, in Coppa Italia, contro un Torino che però vuole crederci sino alla fine. Parliamo di un avversario assolutamente tosto, con una rosa notevole e un allenatore dalle idee sempre interessanti.

Milan probabile formazione Torino
Milan-Torino, Pioli cambia fa rivoluzione – MilanLive.it

Dal suo canto, Stefano Pioli dovrà per forza di cose far rifiatare tanti dei suoi che hanno dato il massimo negli ultimi due impegni di campionato. Al Milan mancano ben otto giocatori, infortunati, e di cui si aspetta il completo recupero. La coperta è ancora troppo corta, ma non si può rischiare di esaurire le energie a pochi giorni dalla riapertura della stagione. Per questo, il turn over sarà obbligato, con Pioli che ha già in mente i cambi da effettuare dal 1′ minuto rispetto al classico undici.

Il primo ad andare in panchina sarà sicuramente Olivier Giroud, uno che ha fatto davvero sin troppo nonostante i 36 anni. Il francese è una certezza in attacco, ma con i tre sostituti fuori per infortunio (Ibrahimovic, Rebic, Origi) bisogna trovare un cambio che lo faccia rifiatare. Secondo la Gazzetta dello Sport, Stefano Pioli è pronto a schierare un 11 inedito stasera a San Siro contro il Torino.

Milan, contro il Torino ancora difesa a tre

La rosea espone la probabile formazione rossonera che scenderà in campo contro i granata. Il Milan si concederà stamattina l’ultima sessione di allenamento pre-gara, quella di rifinitura. E soltanto dopo quella Stefano Pioli potrà sciogliere ogni ballottaggio. L’allenamento di ieri ha però dato qualche indicazione importante. Non riposerà soltanto Olivier Giroud, ma anche Theo HernandezDavide Calabria e Ismael Bennacer. Questi hanno l’assoluto bisogno di rifiatare, per farsi trovare pronti e carichi per il match di campionato contro il Lecce in programma sabato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da AC Milan (@acmilan)

Di conseguenza, secondo le riserve a disposizione, Pioli potrebbe optare nuovamente per una difesa a tre. Certo, la scelta non ha ripagato affatto nelle due ultime uscite. Contro la Salernitana e la Roma, la disposizione a tre della retroguardia ha portato pochi benefici, se non soltanto guai. Ma la difesa, a seconda delle scelte tattiche, potrebbe dunque essere composta da Kalulu, Gabbia e Tomori. Centrocampo a cinque, con diversi cambi rispetto al solito: Saelemaekers, Pobega, Tonali Vranckx e Dest.

Attacco assolutamente inedito. Con Brahim Diaz dietro al solo Charles De Ketelaere. Una sorta di 3-5-1-1 quindi.

Milan, deve essere la serata della svolta

Pare dunque che sia affidato al belga ex Brugge il compito di sostituire Olivier Giroud. Charles ha il dovere, stasera più che mai, di dimostrare il suo valore e riscattare il pessimo arrivo in rossonero. Contro la Roma, quando subentrato nei minuti finali, ha fatto poco e niente. Anzi. Si può menzionare un suo errore, forse decisivo, quando nel calcio di punizione del pareggio giallorosso fa due passi avanti rispetto a Matic che colpisce di testa.

Milan probabile formazione Torino
Milan-Torino, Pioli cambia fa rivoluzione – MilanLive.it

Ok, la fase difensiva su calcio piazzato non sarà il suo forte, ma stasera De Ketelaere avrà l’importante compito di guidare l’attacco. A Brugge ha fatto il 9 per diverse occasioni. Lo dimostrano i 14 gol messi a segno la scorsa stagione. Ora deve sbloccarsi al Milan, prendersi San Siro, prendersi la scena. Dimostrare che il Diavolo ha fatto bene a puntare su di lui.

La Gazzetta dello Sport vede quasi improbabile un impiego di Yacine Adli stasera contro il Torino dal 1′. Se sarà ancora panca per lui, anche in Coppa Italia, verrà automaticamente confermato lo scetticismo di Pioli sul suo conto. E in quel caso potrebbero arrivare conseguenze sul mercato!