L’intervista di Montolivo a Romagnoli: “Dal Milan avrei preferito più chiarezza” (VIDEO)

Il commentatore Dazn ha intervistato l’ex difensore rossonero in occasione di Lazio-Milan: si è parlato anche del suo addio

Il Milan martedì sera affronterà la Lazio all’Olimpico e il fischio d’inizio è in programma alle 20:45. Per l’occasione rossoneri si ritroveranno di fronte uno dei giocatori che è stato protagonista con la maglia del Diavolo negli ultimi anni.

Intervista Romagnoli
Romagnoli racconta il suo addio al Milan – Milanlive.it

Ci riferiamo ovviamente ad Alessio Romagnoli, che ha giocato per ben sette anni con il Milan e ha indossato anche la fascia di capitano. In estate il difensore classe ’95 ha lasciato i colori rossoneri per trasferirsi in biancoceleste. Come tutti sanno, si è trattato anche di una scelta di cuore vista la sua fede per gli aquilotti si da bambino.

Romagnoli è andato via a parametro zero perché il suo contratto con il Milan era scaduto e non era stato trovato un accordo con la società per il rinnovo. Il difensore martedì sera ritroverà i suoi ex compagni ed è quindi stato intervistato da Dazn. Per lui è stata l’occasione per spiegare come sono andate le cose al momento dell’addio.

Romagnoli spiega come è avvenuto l’addio

Nell’ultima stagione al Milan Romagnoli aveva trovato poco spazio ed era infatti diventato il quarto centrale dopo Tomori, Kalulu e Kjaer. Il fatto di essere sceso nelle gerarchie di Stefano Pioli lo aveva portato a riflettere.

Intervista Romagnoli
Romagnoli racconta il suo addio al Milan – Milanlive.it

Queste le sue parole in merito alla fine del suo rapporto con i rossoneri: “Col Milan avevamo discusso della situazione del contratto, loro mi avevano fatto anche un’offerta. Poi le nostre strade si sono separate, loro hanno preferito puntare su altri giocatori e fare altre scelte, io ho fatto le mie. Ma in modo molto sereno e tranquillo”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da DAZN Italia (@dazn_it)

Il modo di giocare di Pioli prevedeva che i difensori affrontassero uomo a uomo i propri avversari, cosa che Romagnoli faceva con difficoltà, il che ha portato i rossoneri a puntare su altri profili. Secondo il difensore la questione si sarebbe dovuta chiarire un po’ prima, ma il suo ricordo al Milan rimane positivo. “Magari sarebbe stato meglio essere più chiari, in modo da non portare la trattativa fino alla fine. Però io del Milan posso solo avere ricordi bellissimi, sette anni fantastici.