Tatarusanu sgridato da sei compagni: scena impressionante (VIDEO)

Circola una foto per certi versi impressionante che riguarda Tatarusanu e i suoi compagni nel derby Inter-Milan. Dice molto della situazione.

Ciprian Tatarusanu non è Mike Maignan, lo sappiamo benissimo. L’assenza del francese sta pesando tantissimo, il Milan ha perso molto a causa del suo infortunio e ancora non si sa quando avverrà il ritorno.

Tatarusanu Inter Milan
Tatarusanu sgridato da sei compagni in Inter-Milan – MilanLive.it

L’ex Lille è importante non solo per le sue qualità tra i pali, ma anche per l’abilità che ha palla al piede e per la sua leadership. È un portiere che sa dare sicurezza alla difesa, cosa che al collega rumeno non sembra riuscire. Infatti, più volte lo abbiamo visto battibeccare con qualche compagno in questi mesi.

Sarebbe comunque sbagliato addossare tutte le colpe dei gol subiti al 36enne di Bucarest, che ha delle responsabilità ma non totali. I suoi compagni si rendono protagonisti di errori tecnici e distrazioni impressionanti, regalando reti agli avversari. Facile prendersela unicamente con lui, però ci sono tanti altri colpevoli.

Tatarusanu, l’episodio successo in Inter-Milan

Nel derby Inter-Milan perso ieri sera per 1-0 ci sono state alcune parate di Tatarusanu che hanno evitato un risultato peggiore. Ma al tempo stesso, non sono mancate alcune piccole incertezze da parte del portiere rumeno.

All’80’ della partita si è verificato un episodio particolare. Dopo una sua mancata uscita e con un’azione terminata con un calcio d’angolo per i nerazzurri, ben sei compagni di squadra lo hanno richiamato. Lui si è scusato, però l’immagine è veramente emblematica.

Non abbiamo certamente scoperto ieri che Tatarusanu non gode della massima fiducia della squadra, ma vedere ben sei giocatori del Milan dargli contro dice molto. Comunque Stefano Pioli non sembra avere alcuna intenzione di cambiare portiere titolare. Antonio Mirante e Devis Vasquez rimangono dietro nelle gerarchie, in attesa del rientro di Maignan. Si spera che il francese possa tornare in campo prima della fine di febbraio.