Messaggio al Milan: “Se gli arbitri non ci fermano pronti a vincere la Champions”

Le dichiarazioni del numero uno degli azzurri, che lasciano intendere come Milan-Napoli di Champions League sia stata condizionata dagli arbitri

“Speriamo di aver cominciato una nuova era, ma adesso noi dobbiamo vincere la Champions League. Ci proveremo se gli arbitri non ci fermeranno”. Sono alcune delle dichiarazioni rilasciate ieri sera sera, dopo la conquista dello Scudetto da parte di Aurelio De Laurentiis. Il numero uno del Napoli ha parlato alla Cbs-Paramount, una tv americana, durante i festeggiamenti al Maradona.

Milan Napoli De Laurentiis arbitri
Napoli-Milan nel mirino: parla Aurelio De Laurentiis (©LaPresse) – MilanLive.it

Dichiarazioni queste, che chiaramente non sono passate inosservate e che senza dubbio fanno riferimento al doppio impegno di Champions League, contro il Milan. La corsa degli azzurri si è interrotta per mano del Diavolo ai quarti di finale, dopo il ko di San Siro e il pareggio del Maradona.

Arbitri nel mirino

Una doppia sfida in cui – come tutti ricorderete – non sono mancate le polemiche legate alle direzioni arbitrali dei due match. Soprattutto all’andata il mondo Napoli ha protestato a gran voce per dei presunti torti subiti, dimenticandosi di quelli a favore, come il mancato rigore per fallo su Krunic, o il mancato giallo a Kim (ammonito successivamente) per un’entrata in scivolata davvero dura su Giroud, che ne sta pagando ancora le conseguenze.

Milan Napoli De Laurentiis arbitri
De Laurentiis contro gli arbitri: Milan-Napoli nel mirino (©LaPresse) – MilanLive.it

A Napoli sotto la lente di ingrandimento, invece, è finito un rigore non concesso agli azzurri per un fallo di Rafael Leao. Ma dalla sponda rossonera contestano la mancata ripetizione del penalty di Giroud. Nonostante episodi controversi, che hanno danneggiato anche i rossoneri, tra le parti di Napoli, come confermano le parole di De Laurentiis, sembra davvero esserci la convinzione che l’eliminazione della squadra di Luciano Spalletti dall’Europa sia arrivata per colpa degli arbitri.