Milan, assalto a un centrocampista 17enne: lo “manda” Weah

Un nuovo giovanissimo prospetto nel mirino della società rossonera: potrebbe essere un vero affare per il futuro.

Il reparto scouting del Milan lavora intensamente per scoprire talenti con il potenziale per diventare giocatori importanti. L’arrivo di Geoffrey Moncada dal Monaco ha rappresentato un cambio di passo importante in questo senso.

Milan, obiettivo Divine Teah
Milan, nel mirino un giovanissimo talento liberiano (Ansa Foto) – MilanLive.it

L’obiettivo è mettere le mani sui giovani più promettenti prima che esplodano e diventino troppo costosi. Competere sul mercato con le big europee è complicato, bisogna essere bravi ad anticiparle quando si tratta di ingaggiare a buon prezzo dei calciatori non ancora affermati. Ci sono più esempi positivi nel club rossonero, che vuole continuare con questa linea.

Calciomercato Milan, arriva un giovane talento liberiano?

Secondo quanto rivelato dal giornalista sportivo Fabrizio Romano, il Milan è tra le società che hanno messo nel mirino Divine Teah. Si tratta di un liberiano classe 2006 che gioca come mediano nella Massa Football Academy. Sulle sue tracce anche Gent, Sporting CP e Bayer Leverkusen.

Milan, obiettivo Divine Teah
Milan, nel mirino un giovanissimo talento liberiano (Ansa Foto) – MilanLive.it

Nonostante la giovanissima età, Teah ha già debuttato nella nazionale maggiore della Liberia e con essa ha messo insieme 2 gol in 7 presenze. Il Guardian lo ha inserito nella lista dei 60 migliori talenti Next Generation del 2023. Nato nella capitale Monrovia, è un mediano mancino che fisicamente, tatticamente e tecnicamente si sta ancora costruendo. È alto 1,79 metri e non si muoverà dall’attuale squadra fino al compimento dei 18 anni, cosa che avverrà il 19 aprile.

Non sarebbe il primo liberiano ad approdare al Milan. Il primo e anche il più noto è stato George Weah, che in rossonero ha totalizzato 58 gol in 147 presenze totali tra il 1995 e il 1999. L’ex attaccante si è fatto amare dai tifosi, che ancora oggi lo ricordano con tanto affetto e ammirazione. È stato anche Pallone d’Oro e FIFA World Player, l’unico africano nella storia. Dopo la carriera calcistica, ne ha iniziata una politica nel suo Paese ed è stato anche Presidente della Repubblica. Ha perso le ultime elezioni.

L’altro liberiano ad aver firmato per il Milan è Zizi Roberts, che fu preso proprio su suggerimento di Weah. Anche lui attaccante, arrivò nel 1997 e non ha mai debuttato in rossonero. Si è trasferito in prestito nel Monza, poi nel Ravenna e poi al Bellinzona prima di approdare in Grecia nel 2000. Nell’estate 2001 si era anche guadagnato la chiamata dell’Olympiacos, dove mise assieme 6 gol in 15 presenze. Poi ne 2002 è andato a giocare negli Stati Uniti.

Impostazioni privacy