La stoccata di De Ketelaere a Pioli: “Non sono quel tipo di giocatore”

Charles De Ketelaere, ieri in gol in Atalanta-Salernitana, ha fatto intendere come si trovi molto più a suo agio lontano dal Milan.

Un’annata che pian piano sta facendo riscoprire l’entusiasmo, la gioia di far bene e la fiducia in Charles De Ketelaere. Un talento che sembrava sprecato quello del fantasista belga, dopo l’esperienza non positiva nel Milan al suo debutto in Serie A.

De Ketelaere stoccata a Pioli
De Ketelaere e Pioli (ANSA) – MilanLive.it

Colui che è stato definito da molti come il maggiore flop della stagione rossonera 2022-2023, oggi si sta ritrovando con la maglia dell’Atalanta. Il club orobico ha deciso di puntare sul classe 2001, ragazzo con tanta voglia di rifarsi e rimettersi in discussione. E lo sta facendo con buona continuità.

Ieri De Ketelaere è tornato al gol in Atalanta-Salernitana, dando una mano alla fase offensiva di Gasperini e trovando finalmente anche la via della rete. Ma soprattutto a far parlare sono state le brevi ma incisive dichiarazioni a fine partita, con tanto di frecciatina al suo ex allenatore Stefano Pioli.

De Ketelaere si sfoga: ecco perché non è andata bene col Milan

Uno dei problemi di De Ketelaere nella sua esperienza al Milan ha riguardato probabilmente il ruolo tenuto in campo. Acquistato da Paolo Maldini come alternativa sulla trequarti a Brahim Diaz, il talento belga ha fatto chiaramente capire come in rossonero non è mai riuscito ad esprimersi nel suo ruolo ideale.

il nuovo ruolo di de ketelaere
CDK spiega il suo nuovo ruolo (Lapresse) – Milanlive.it

Lo ha detto ieri sera CDK, ai microfoni di DAZN dopo la vittoria sulla Salernitana: “La posizione attuale mi dà più forza ed intensità nel giocare. Non sono un giocatore che può correre per 12 km, mi sento più forte in questa posizione e do più intensità nell’azione che svolgo”.

De Ketelaere-Atalanta, le cifre ufficiali: quanto costa il riscatto

Il Milan in estate ha ceduto De Ketelaere all’Atalanta con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto. I nerazzurri hanno già versato 3 milioni di euro per il titolo temporeaneo nelle casse rossonere, dovendone aggiungere altri 23 più due di bonus qualora decidessero a fine campionato di riscattare definitivamente il talento belga, autore finora di 2 reti e 4 assist in campionato; se aggiungiamo anche i gol in Europa League, siamo a quattro realizzazioni e quattro assist.

Se il belga dovesse continuare così, è molto probabile che l’Atalanta deciderà di riscattarlo. Gli orobici sanno bene che il valore del giocatore non può fare altro che aumentare: con questa prima stagione di rodaggio più un’altra di valorizzazione, entro pochi anni può diventare la prossima grande plusvalenza del club di Percassi. Il Milan, e nello specifico Pioli, non è riuscito a metterlo nelle condizioni migliori per esprimersi, come confermato anche dal ragazzo stesso.

Impostazioni privacy