Stadio Milan a San Donato, il Sindaco Squeri incontra il consiglio e la Regione

Novità importanti sul progetto stadio del Milan, che dovrebbe sorgere nel comune di San Donato Milanese come ormai deliberato.

Nonostante i tentativi in extremis del sindaco di Milano Giuseppe Sala di riaprire il capitolo San Siro, il Milan ha ormai intrapreso una strada diversa per il suo futuro stadio di proprietà. Infatti da mesi è in ballo il progetto a San Donato Milanese, comune a sud di Milano scelto dal club rossonero come ideale per ospitare la propria casa.

Incontro tra sindaco e regione per lo stadio Milan
Proseguono gli incontri per lo stadio del Milan a San Donato – Milanlive.it

Gerry Cardinale ha dato il via libera per attuare tutto l’iter necessario per poter acquisire l’area predisposta, ovvero i terreni in zona San Francesco, e provare a posare la prima pietra nei tempi corretti. A darsi da fare per questa opera, che riqualificherebbe il territorio, è il sindaco Francesco Squeri, in prima linea a favore dello stadio milanista.

Nei giorni scorsi lo stesso Squeri ha incontrato sia i consiglieri municipali, affrontando i dettagli dell’iter amministrativo in corso, sia la Regione, con un meeting a Palazzo Lombardia. Si è parlato della proposta di variante urbanistica per l’area San Francesco, ovviamente in attesa di valutazioni e appoggi da parte dell’amministrazione.

Stadio Milan, gli incontri proseguono: si discute della variante urbanistica

Nella giornata di martedì il sindaco Squeri ha aggiornato i Consiglieri comunali di San Donato sullo stato della procedura. Dopo una fase di illustrazione sulla proposta di variante urbanistica da parte dell’ingegner Domenico Martini, dirigente dell’area tecnica, si è aperta una fase di confronto nel corso della quale i Consiglieri hanno potuto rivolgere al primo cittadino e al dirigente una serie di domande e considerazioni.

Stadio Milan, ecco il possibile nome
Dialoghi con la Regione e con i cittadini per il nuovo stadio Milan (foto Manica) – Milanlive.it

Nel pomeriggio invece è andata in scena l’interlocuzione tecnico-operativa preliminare in materia di programmazione in Regione. In questo senso il sindaco dovrà cercare l’adesione dei soggetti pubblici e privati coinvolti del progetto urbanistico. Per questo l’agenda di Squeri, ormai primo portavoce del progetto stadio Milan, è molto folta.

La prossima settimana Squeri avrà il confronto pubblico con i cittadini in sala Consiliare, e nei giorni successivi con i sindaci del territorio, proseguendo il dialogo con i primi cittadini dell’area sud di Milano, già incominciato preliminarmente a novembre.

Squeri si è detto ottimista e possibilista sulla fattibilità del progetto: “Condivisione e operatività sono i fronti sui quali siamo impegnati in questi giorni e che caratterizzeranno l’approccio con cui affronteremo il percorso che porterà all’Accordo di programma finalizzato alla eventuale realizzazione dello stadio del Milan. Sarà nostra cura, informare e coinvolgere costantemente i cittadini e le realtà del territorio, come dimostrato dall’agenda di queste settimane che registra un confronto costante con le diverse componenti di San Donato”.

Intanto si parla anche di possibile referendum popolare all’interno del comune di San Donato Milanese per capire quanto la cittadinanza sia a favore o contraria alla costruzione di uno stadio ed alla variante urbanistica.

Impostazioni privacy