Tremendo lutto, tifosi del Napoli senza parole

Tifosi del Napoli sotto shock per il devastante lutto che ha colpito il club del Presidente Aurelio De Laurentiis

Con uno scialbo pari a reti bianche contro il Lecce tra le mura amiche del ‘Maradona’ si è concluso il campionato del Napoli, epilogo di una stagione, a essere generosi, deludente.

Napoli, tremendo lutto
Napoli, tremendo lutto: tifosi sotto shock (Ansa)-milanlive.it

Decimo posto e niente Europa, neanche la Conference League, per gli azzurri che, guidati da Luciano Spalletti, appena un anno fa strabiliavano il mondo del calcio. Ma ora il primo campionato post terzo scudetto è acqua passata, appartiene già alla storia, bisogna guardare al presente e al futuro.

Solo che il club azzurro riparte tra molte incognite, legate in particolare alla permanenza in azzurro delle sue stelle: l’agente di Kvaratskhelia ha reso pubblico l’interessamento del Paris SaintGermain per il suo assistito e il capitano Giovanni Di Lorenzo ha chiesto la cessione, due grane che si aggiungono alla sicura partenza di Victor Osimhen.

Tuttavia, in queste ore il Napoli che verrà e chi lo guiderà, con Antonio Conte che si avvicina sempre di più alla panchina azzurra, sono gli ultimi dei pensieri dei tifosi azzurri, letteralmente sotto shock per il tremendo lutto che ha colpito il Napoli.

Napoli, è scomparsa la moglie di Gianni Improta

Il ‘baronetto di Posillipo, al secolo Gianni Improta, ha perso la sua ‘baronessa’: dopo aver strenuamente lottato contro un male inesorabile, si è spenta Maria Marino, per 50 anni moglie dell’ex grande azzurro.

Immediato il cordoglio del Napoli attraverso un post su ‘X’: “Il Presidente Aurelio De Laurentiis e tutta la SSC Napoli abbracciano commossi Gianni Improta e la sua famiglia per la scomparsa della moglie Maria“.

Napoli, morta la moglie di Gianni Improta
Grave lutto per l’ex azzurro Gianni Improta (LaPresse)-milanlive.it

Nato a Napoli, il 22 gennaio 1948, il ‘baronetto di Posillipo’ – era soprannominato così in quanto originario dell’omonimo esclusivo quartiere collinare partenopeo e per l’eleganza in campo e fuori dal campo – ha indossato in Serie A i colori del Napoli, del Catanzaro e della Sampdoria collezionando complessivamente 205 presenze e mettendo a referto 25 gol.

La sua cessione alla Sampdoria da parte del Napoli scatenò manifestazioni di proteste dei tifosi che scandendo lo slogan “Si vende il Vesuvio, non Gianni Improta” si scontrarono con persone ritenute vicine ai dirigenti che avevano dato il via libera alla sua cessione.

Tuttavia, oltre al Napoli, il ‘baronetto di Posillipo’ ha legato il proprio nome al Catanzaro che, infatti, partecipa commosso al lutto che ha colpito la sua famiglia con un messaggio in cui si ricorda quanto Maria Marino fosse profondamente legata alla squadra giallorossa e alla città di Catanzaro condividendo l’amore del marito per le Aquile: “L’US Catanzaro 1929 esprime profondo cordoglio per la scomparsa di Maria Marino, moglie di Gianni Improta, già calciatore e dirigente delle Aquile. La società, insieme alla comunità sportiva e ai tifosi, si unisce al dolore di Gianni Improta e della sua famiglia in questo difficile momento”.

Impostazioni privacy