La bufera ormai è scoppiata: Leclerc-Ferrari, è caos

Caos nella scuderia Ferrari con Leclerc, il pilota è furioso: cosa è successo, tutti i dettagli

Weekend disastroso quello delle Ferrari in Canada. A Montreal trionfa Verstappen davanti a Lando Norris e George Russell, al termine di un Gran Premio pieno di colpi di scena. La pioggia e i numerosi incidenti con conseguente safety car hanno cambiato diverse volte le carte in tavola, regalandoci una gara opposta a quella “piatta” vista a Monte Carlo.

Bufera Leclerc Ferrari
Leclerc si ritira a Montreal, spunta la conversazione con l’addetto stampa (ansafoto.it) milanlive.it

Una gara “opposta” in tutti i sensi. Se a Monte Carlo c’era stato il trionfo delle Ferrari che aveva chiuso al primo e al terzo posso in un weekend perfetto, in Canada si è ribaltato tutto. Ritirate entrambe le monoposto: prima quella di Leclerc, ormai in diciannovesima posizione e poi quella di Sainz, coinvolta in un incidente con Albon che, non potendolo evitare, lo ha colpito danneggiando alla posteriore dello spagnolo. Ora Leclerc mantiene la seconda posizione nella classifica piloti, ma vedendo Norris sempre più vicino con soli 7 punti di distanza. Stesso discorso per il mondiale costruttori, dove la Ferrari mantiene la seconda casella ma vede le McLaren a soli 40 punti di distacco dopo il GP di Montreal.

Leclerc furioso, spunta la conversazione dopo le qualifiche

La gara, però, non è l’unica cosa da dimenticare di questo weekend, che si è dimostrato fin dal primo momento in salita. Già nelle FP3 Charles Leclerc aveva lanciato un allarme, quando aveva dichiarato “Siamo troppo lenti!” in una comunicazione con i box.

Leclerc furioso conversazione
Il monegasco furioso, ecco cosa ha detto (ansafoto.it) milanlive.it

Problemi culminati con l’eliminazione dalla Q2 nel corso delle qualifiche. “Sono piuttosto inc….to, oggi non eravamo veloci. Non avevamo grip e non sappiamo il perchè. Dobbiamo capire come mai ogni volta che scendiamo in pista eravamo tra l’8° ed il 12° tempo“, aveva commentato il monegasco. Una frustrazione trapelata anche dalla conversazione con Mia Djacic, addetto stampa Ferrari, che probabilmente si era raccomandata con Leclerc di andarci piano con le dichiarazioni. “Dirò quello che voglio”, risponde Leclerc furioso. Delusione poi esternata anche da Fred Vasseur e Carlos Sainz.

Ora ci saranno un settimana di pausa durante le quali raccogliere le idee e rimettere a posto una monoposto che nelle ultime gare era sembrata in enorme crescita. Il 23 giugno si correrà in Spagna per poi volare subito in Austria e poi subito a Silverstone. Tre weekend consecutivi che, senza dubbio, dirà molto della seconda parte di stagione.

Impostazioni privacy