Mattia Destro (Getty Images)
Mattia Destro (Getty Images)

Mancava solo il parere del presidentissimo per poter dare il via alla trattativa che potrebbe rivoluzionare l’attacco del Milan nella sessione di gennaio. Dopo Alessio Cerci il club rossonero va in pressing su Mattia Destro, notizia non proprio nuovissima ma rafforzata dall’ok dato ieri da Silvio Berlusconi, che avrebbe dato garanzie ed appoggio ai suoi uomini mercato, in primis ovviamente Adriano Galliani.

 

La visita di ieri del presidente a Milanello è stata difatti più riservata del solito: niente hip-hip hurrà generali, niente canzoncine e discorsi, qualche stretta di mano sul campo e poi un vertice privato con i suoi dirigenti. L’argomento Destro è stato uno dei più toccati, con Berlusconi che si è detto intrigato dalla possibilità di portare un altro talento italiano nell’attacco del suo Milan.

 

Prima però urge vendere, come ha sempre detto Galliani: ogni arrivo dal mercato corrisponderà ad una partenza. Ecco perché i rossoneri proveranno prima a piazzare Giampaolo Pazzini, l’escluso di questa prima fase di stagione, pochissime presenze e mai da titolare in gare ufficiali. La Roma ha rifiutato lo scambio Destro-Pazzini e potrebbe virare su Luiz Adriano dello Shakhtar, segnale evidente della volontà di trattare per la cessione del suo attuale centravanti.

 

Redazione MilanLive.it