Filippo Inzaghi (Getty Images)
Filippo Inzaghi (Getty Images)

Missione impossibile e ottimismo forzato, ma Filippo Inzaghi sogna l’aggancio clamoroso alla 38.a giornata alla zona Europa League. Un obiettivo quasi impossibile, viste le tante squadre che in questo momento dividono il Milan dal sesto posto, ma la matematica tiene ancora in corsa la squadra rossonera, che dovrà giocare altre tre partite come ieri sera contro la Roma per onorare la stagione e continuare a sperare.

 

Sembrava una barzelletta fino a ieri solo pensare ad un Milan ancora in corsa per l’Europa, ma secondo Filippo Inzaghi è un obiettivo clamorosamente alla portata: “Ci proveremo, non vogliamo lasciare nulla di intentato” – è l’ammissione sull’impegno futuro della sua squadra. Come riporta il Corriere dello Sport inoltre c’è un Genoa che probabilmente resterà privo della licenza Uefa e dunque già una concorrente rischia di saltare a prescindere dalla classifica.

 

Sassuolo, Torino e Atalanta, ovvero tre gare alla portata del Milan che dovrà totalizzare 9 punti e sperando in un crollo di alcuni club, come la Sampdoria che attualmente è a +5 ma con un calendario nettamente più duro. O come i rivali dell’Inter, che già oggi affrontano la Lazio in un match complicatissimo. La matematica tiene in vita un Milan in coma, le soluzioni del calcio sono infinite.

 

Redazione MilanLive.it