Zong Qinghou (Getty Images)
Zong Qinghou (Getty Images)

L’Expo può dare una forte mano al Milan: secondo il Corriere dello Sport di oggi, l’esposizione universale dedicata alla gastronomia che si svolgerà nel capoluogo lombardo fino ad ottobre sarebbe elemento di traino per la trattativa tra i rossoneri e il magnate cinese Zong Qinghou. Quest’ultimo, potentissimo uomo d’affari, possiede l’azienda più ricca e attiva nel mercato delle bevande in Asia. La sua presenza all’Expo è scontata, tanto che secondo alcuni Mr. Zong è già in Italia da giorni.

 

Nelle prossime settimane è certo lo sbarco a Milano, dove presenzierà al padiglione Cina dell’Expo e parteciperà anche ad alcuni eventi e conferenze indette dall’organizzazione milanese. Zong è anche dato da molti come il leader della cordata cinese che vuole acquisire la maggioranza del club di Silvio Berlusconi, perciò potrebbe cogliere la palla al balzo e presentare un’offerta ormai imminente per le quote del Milan. L’ostacolo è rappresentato dalla campagna elettorale del Cavaliere, che sta spingendo Forza Italia verso le elezioni regionali del 31 maggio. Ma uno spazio per quattro chiacchiere con Mr. Zong evidentemente verrà trovato.

 

Intanto Forbes, come annunciato ieri, ha letteralmente fatto fuori Bee Taechaubol dalla corsa al Milan: il noto magazine di finanza ha parlato di crash per quanto riguarda la trattativa fra il thailandese ed il club lombardo. Una strategia fallimentare e poco proficua avrebbe allontanato definitivamente l’investitore asiatico da tale attività.

 

Redazione Milanlive.it